Torna agli Itinerari

I Parchi Letterari® Ernst Bernhard

12 Gennaio 2018

Il più grande campo di internamento in funzione in Italia prima e durante la guerra è oggi il centro di un Parco Letterario immerso in un territorio unico per memorie storiche, tradizioni e ricchezze ambientalistiche.
I Parchi Letterari® Ernst Bernhard
Ferramonti di Tarsia (Cosenza)

…ci andò col suo I CHING e il suo diario, deciso a vivere in modo consapevole e significativo ciò che il destino gli avrebbe portato."
Ernst Bernhard (Berlino, 1896 – Roma, 1965) fu pioniere del pensiero junghiano. Intorno al gruppo dei suoipazienti e allievi, “quasi una scuola pitagorica”, gravitarono personaggi della cultura italiana: Natalia Ginzburg, Bobi Bazlen, Federico Fellini, Giorgio Manganelli, A. Olivetti, Rosselli ed altri.
Tra il 1940 ed il 1941 fu imprigionato come “straniero nemico” nel campo di internamento di Ferramonti di Tarsia (Cs), il più grande campo italiano per Ebrei e deportati politici. Dopo il 1945, delle 92 baracche si conservò poco ed con loro rischiava di scomparire anche la memoria delle persone che furono costrette a soggiornarvi. Il Campo di Ferramonti fu "l'unico esempio di un vero campo di concentramento costruito dal governo fascista a seguito delle leggi razziali e rappresenta storicamente il più grande campo di internamento italiano. "

Documenti, fotografie, testimonianze e parte del campo sono oggi fruibili grazie all’opera del Comune di Tarsia che ha voluto il Parco Letterario® immerso in un territorio unico per memorie storiche, tradizioni e ricchezze ambientalistiche.


Torna agli Itinerari
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®