Torna agli Eventi

I tre anniversari di Carlo Levi nel Parco Letterario di Aliano

25 Ottobre 2020

24 e 25 ottobre. In occasione della Giornata de I Parchi Letterari, Aliano, il Circolo Panevino e il Parco Letterario Vi invitano per celebrare gli 85 anni dal confino; i 75 anni del Cristo si è fermato a Eboli e i 45 anni dalla morte di Carlo Levi
Con il Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco e in collaborazione con la Società Dante Alighieri Vi invitiamo a celebrare insieme la  VI Giornata Europea de I Parchi Letterari nel Parco Letterario Carlo Levi   Cammini e soste nei Parchi Letterari: leggiamo l’ambiente che ci circonda 

vedi il programma completo

Il Comune di Aliano, la Pro Loco, il Circolo Nicola Panevino e il Parco Letterario Carlo Levi  Vi invitano sabato 24 domenica 25 ottobre ad Aliano per celebrare insieme  i tre anniversari di Carlo Levi

 85 anni dal confino; i 75 anni del Cristo si è fermato a Eboli e i 45 anni dalla morte

24 ottobre. Inaugurazione della Mostra Fotografica da Carlo Levi a Francesco Rosi. 87 fotografie dal backstage del capolavoro cinematografico di Francesco Rosi ispirato al Cristo si è fermato a Eboli di Carlo Levi. La mostra, curata dall'Associazione Panevino,  reasterà aperta fino al 5 novembre.  

Il 24 e 25 ottobre il Parco Letterario Vi invita a visitare i luoghi del Cristo si è fermato a Eboli e i  tesori di Aliano

 Su prenotazione il mattino ore 10.30 - 12.30, il pomeriggio ore 16.30 - 19.30 Il percorso prevede la visita della Casa Museo di Carlo Levi, la Pinacoteca Carlo Levi,  il Museo della Civiltà contadina,  il Museo Paul Russotto e la Tomba di Carlo Levi. Gli eventi  si terranno nel rispetto delle normative igienico sanitarie Covid 19 in vigore. La mascherina è obbligatoria.

La casa del confino di Carlo Levi

È la casa dove visse Carlo Levi durante il periodo di confino, restaurata con discrezione e con un approccio tecnologico: un impianto multivisione costituito da proiettori di diapositive programmati e sintonizzati da un computer, posti sui soffitti dei locali e che, seguendo un percorso determinato, fanno rivivere sui muri bianchi le immagini tratte dai documenti fotografici dell’epoca, la casa, l’orto, il cane Barone, il ritratto di Giulia, i camini, i calanchi. Immagini intervallate dalle sagome di un cavalletto, dall’ombra dei pennelli, dalla traccia di un letto di ferro, di un tavolo da cucina, a guisa di simboli astratti, ombre cinesi che si animano nella velocità della proiezione multivisiva; e ancora immagini dei quadri, dei tetti, dei fanciulli, delle strade, delle nuvole e degli orizzonti che si osservano dalla terrazza. Sono presenti anche microfilm sulla storia contadina. Il percorso emozionale si completa sul terrazzo della casa, dove sono stati sistemati tre angoli di pittura che si ispirano al paesaggio circostante. 

La Pinacoteca Carlo Levi 
Con la ricca collezione di quadri di Carlo Levi il museo raccoglie lettere, documenti, disegni riguardanti il confino ad Aliano, tra il 1935 e il 1936, al quale fu condannato dal regime fascista il medico, scrittore e pittore torinese. Particolarmente interessanti sono le litografie originali, donate dallo stesso Levi, del Cristo si è fermato a Eboli. Il volume, che fu pubblicato nel 1945, riassume la sua esperienza nel piccolo centro lucano, dove visse a contatto con la popolazione, testimoniando la suggestiva scoperta dell’estrema miseria della civiltà contadina del Sud.

Il museo della Civiltà contadina
"Il padrone di casa mi aveva avvertito che sarei stato spesso disturbato dal rumore del trappeto, il frantoio che era sotto alle mie stanze;ci si entrava dall'orto, per una porticina di fianco agli scalini che portavano in casa. Avrebbe lavorato anche di notte, il trappeto mi aveva detto. Quando girava la vecchia mola di pietra, trascinata in tondo da un asino bendato, la casa tremava, e un rombo continuo saliva dal pavimento..." Situato al piano terra della casa di Levi ospita tutto ciò che riguarda le antiche procedure di produzione dell’olio, gli oggetti legati alla coltivazione dei campi, alla mungitura del latte, alla produzione del formaggio, le suppellettili. Una casa contadina originale, con letto, culla, stalla, e tanto altro ancora. Attraverso la visita a questo museo ci si ritrova immersi nel periodo del Confino di Levi in Aliano. 

La tomba di Carlo Levi
Restaurata nel suo aspetto architettonico, con un belvedere retrostante che denota il rapporto tra vita e morte, poiché l’affaccio è verso la casa in cui Levi ha vissuto. Un basolato su cui sorgono due file di mattoni in cotto e una balconata aperta sul Pollino e sui tetti del paese. Con poche varianti rispetto a ciò che c’era prima del restauro. Un intervento che non disturba. Al centro, una lastra di pietra bianca ricorda che lì è sepolto il torinese del sud, per usare una felice espressione di Gigliola De Donato.

Il Museo Paul Russotto
Di origini alianesi da parte di madre, Paul Russotto, esponente dell’espressionismo astratto americano, nasce a New York nel 1944. Si appassiona alla pittura iscrivendosi all’Art Students League di New York. Nel ’63 apre il suo studio e comincia una proficua attività che lo vedrà esporre in tanti paesi nel mondo, tra cui l’Italia. Nella sua espressione artistica, Paul Russotto trae ispirazione dal passato, guardando alla pittura di Rubens, Courbet, Cézanne, Picasso, Matisse, Mondrian, Miró, Gorky, De Kooning (di cui diventa allievo), Pollock e ai suoi contemporanei. Ha contatti anche con molti artisti italiani come Carla Accardi, Pietro Consagra, Giacinto Cerone, Marino Marini e tanti altri. 
Nella restaurata vecchia caserma di Aliano, dal tetto con grossi travi di legno, le 72 opere di Russotto donate dalla famiglia  sembrano nuove finestre aperte su una modernità in contrasto con i calanchi e i tetti spioventi dell’antico borgo celebrato da Carlo Levi che  si intravedono dalle grandi porte finestre verdi.


Il Parco Letterario Carlo Levi
Nel rivivere emotivamente luoghi ed eventi descritti nel Cristo si è fermato a Eboli si coglie nell’opera di Levi il sentimento poetico e il suo profondo amore per la terra lucana e la sua gente. Aliano, con le sue case dalle magiche facciate dalle cui piccole finestre, occhi stregati che sormontano archi immensi come bocche, si spazia sull’infinita distesa delle argille aride, ondulanti nel sole a perdita d’occhio, è un esempio di recupero e conservazione ambientale. 
Il silenzio delle montagne, la solitudine dei paesi arroccati sui monti, le infinite distese di argilla, i fiumi lenti e sornioni della valle dell’Agri e del Sauro e ancora le leggende dei briganti, delle fate, dei lupi mannari e delle streghe sono tutti elementi che raccontano e suscitano nel visitatore le stesse emozioni di meraviglia e stupore provate da Levi all’inizio del suo confino. 

Vedi la puntata di Borghi d'Italia di Tv2000 dedicata ad Aliano e al Parco Letterario Carlo Levi

Tel. 0835 568529 0835 568038 (Comune) 
Cell. 320 2745706
https://www.museialiano.it/
E-Mail info@parcolevi.it


 I tre anniversari di Carlo Levi nel Parco Letterario di Aliano - Foto 1 I tre anniversari di Carlo Levi nel Parco Letterario di Aliano - Foto 2 I tre anniversari di Carlo Levi nel Parco Letterario di Aliano - Foto 3 I tre anniversari di Carlo Levi nel Parco Letterario di Aliano - Foto 4 I tre anniversari di Carlo Levi nel Parco Letterario di Aliano - Foto 5
Torna agli Eventi
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®