Johan Peter Falkberget

Johan Peter Falkberget

R°ros (Norvegia)

nel parco Johan Peter Falkberget

La Vita / Life

Sono il minatore, il lavoratore. Questo Ŕ ci˛ che sono per natura, per sentimento, la mia poesia, la mia ricerca Ŕ quella del minatore e la mia visione del mondo Ŕ sua. Quando discendi da una famiglia di minatori di 300 anni, questo Ŕ perfettamente naturale.

Queste sono le parole che Johan Falkberget usa per descrivere se stesso. Johan Ŕ nato nel 1879, Ŕ cresciuto nella fattoria Falkberget a Rugldalen, nel comune di R°ros, ed Ŕ morto nel 1967.

Minatore e autore

Quasi nessun altro autore norvegese del 1900 Ŕ cosý attuale oggi. Le sue opere sono rappresentate nei teatri d'opera in tutta la Norvegia e la sua prosa Ŕ insieme tempo senza tempo e contemporanea.

Falkberget era indissolubilmente legato all'ambiente minerario di R°ros. Aveva solo sette anni quando inizi˛ il suo primo lavoro come vaskarryss - un ragazzo il cui compito era lavare il minerale - e continu˛ a lavorare per R°ros Copperworks fino all'etÓ di 27 anni.

Eentrambi i genitori di Falkberget leggevano molto, suonavano musica ed erano ben informati sul mondo in generale grazie ai tanti giornali a cui erano abbonati. Suo padre, Mikkel Lillebakken, era contadino e minatore e leggeva ad alta voce ai suoi compagni di lavoro durante le pause; lo zio di Johan, Ole Johnsen Jamt, Ŕ stato un'altra figura significativa nella sua giovane vita. Ole lavorava nella miniera di Christianus Sextus, dove a seguito di un incidente rimase quasi cieco. Ci˛ lasci˛ un'impressione duratura sul bambino, che improvvisamente si rese conto di quanto fosse importante la vista per leggere e scrivere. Fu lo zio Ole a insegnare a leggere a Johan che giÓ a cinque anni divorava prontamente miti e storie sulla regione e sulla sua gente, storie che in seguito colorarono il suo stile letterario.

La scrittura Ŕ iniziata durante il periodo di Johan alla miniera. Dapprima ha scarabocchiato sui muri delle capanne dei lavoratori: in seguito ha scritto di notte nello stesso alloggio infestato dai pidocchi. ╚ sfuggito alla routine quotidiana scrivendo delle sue esperienze, di come i proprietari sfruttassero i lavoratori e i contadini colpiti dalla povertÓ. Ma ha anche trovato volentieri il tempo per scrivere lettere d'amore fiorite e sincere per conto dei suoi colleghi. Non a caso, forse, dal momento che uno dei tratti distintivi del suo stile di scrittore Ŕ proprio questo contrasto tra romanticismo e realismo.

Giornalista e redattore

Nessun altro autore norvegese pu˛ vantare tanti articoli di giornale a suo nome come Johan Falkberget: circa 7000 in 90 giornali diversi. Il primo di questi fu scritto mentre era ancora impiegato presso la Copper Works e fu stampato sul giornale locale, Fjell-Ljom. Johan aveva solo 10 anni quando si sedette sulla sedia del redattore e annunci˛ che un giorno sarebbe stato lui stesso il redattore. Fjell-Ljom si dimostr˛ un eccellente campo di allenamento e lý furono stampati i suoi primi libri. Nel 1906, la famiglia si trasferý ad ┼lesund in modo che Johan potesse diventare direttore del giornale Nybrott. Rimase per un anno, prima di trasferirsi nella capitale, dove continu˛ a lavorare come reporter e giornalista.

Lo scrittore torna a casa

"Mi sono seduto tra le rovine del Foro Romano e desideravo ardentemente essere a casa alla mensa, a nord accanto al lago Rugl", scrive Falkberget in una lettera. Nel 1922 torna finalmente a Rugldalen dove costruisce la fattoria di Ratvolden insieme alla moglie Anna Marie. La sua scrittura sboccia - la forma del libro di B°r B°rson Jnr nel 1922 Ŕ un grande successo - ma la sua vera svolta arriva con The Fourth Nightwatch nel 1923, ambientato a R°ros intorno al 1807 e incentrato sul vicario della chiesa di R°ros (Bergstadens Ziir). Un'appassionata storia d'amore si svolge tra il vicario e la sposa nella primissima cerimonia di matrimonio da lui condotta, con conseguenze fatali sia per la sfortunata coppia che per i pi¨ vicini a loro. Successivamente, arriva la pubblicazione di Christianus Sextus, un romanzo in sei parti. L'azione inizia nel 1730, subito dopo la Grande Guerra del Nord, e drammatizza il contrasto tra potere e denaro da un lato e fatica e fame dei lavoratori dall'altro.

 Il capolavoro di Falkbergets, Nattens br°d, Ŕ stato scritto nel periodo 1940-59 e descrive la lotta per la sopravvivenza dei contadini poveri nella prima metÓ del XVII secolo. Il protagonista, An-Magritt, nato fuori dal matrimonio, Ŕ l'unico bruciatore di carbone femminile (k°lkj°reren) in un ambiente dominato dagli uomini. Come se non bastasse, il suo carro non Ŕ trainato da un cavallo ma da un bue - Hovistuten. Tuttavia, An-Magritt diventa una figura di spicco per i contadini indigenti, insegnando loro a leggere e scrivere, a coltivare i raccolti e quindi a riprendere possesso della loro terra. Per molti letterati, An-Magritt rappresenta una Jeanne d'Arc norvegese e un precursore della Costituzione nel 1814 e dello scioglimento dell'Unione nel 1905.

La resistenza

L'uomo Falkberget si distinse anche come combattente della resistenza durante la guerra e portava il soprannome di "J°ns". Il 9 aprile 1940, due profughi arrivano alla fattoria. Sono la moglie e il figlio del primo ministro Nygaardsvold, che fuggono dai tedeschi e sono costretti a nascondersi a Ratvolden. Falkberget li accompagna attraverso il confine con la Svezia, ma viene avvertito di non tornare indietro. Tuttavia, la nostalgia di casa diventa insopportabile e alla fine di luglio torna a Ratvolden. Lý, il suo sforzo di resistenza continua pacificamente. Scrive oltre 500 lettere durante gli anni della guerra e organizza raccolte fondi per aiutare le famiglie in cui il capofamiglia Ŕ stato arrestato. Si rifiuta di consentire la pubblicazione del secondo volume della trilogia, "Bread of the Night" e il suo editore, Aschehoug, aiuta a nascondere il manoscritto. Quando le nuove autoritÓ dell '"Assemblea Nazionale" sostenute dai nazisti pubblicano i vecchi articoli e libri di Falkberget contro la sua volontÓ, dichiara che "distruggere l'onore di un uomo Ŕ pi¨ che un omicidio colposo: Ŕ un omicidio premeditato!"

 Premio Nobel del popolo

Molte persone hanno ritenuto che Falkberget avrebbe dovuto ricevere il Premio Nobel per la letteratura. Non solo ha ottenuto molti premi e riconoscimenti per la sua paternitÓ, ma era anche ampiamente considerato una persona eccezionalmente etica e retta. Nel 1949 ricevette qualcosa di simile a un premio Nobel, quando 170.000 kr furono raccolti dal popolo norvegese e donati a Falkberget in una cerimonia all'UniversitÓ di Oslo, insieme a quello che fu chiamato il 'Premio Nobel del cuore' o 'Il Premio Nobel del popolo norvegese ö.

Quando Johan Falkberget morý, il 5 aprile 1967, lasci˛ un tesoro letterario contenente 50 opere di fantasia e una quantitÓ altrettanto grande di articoli giornalistici.

La sua casa, Ratvolden, Ŕ oggi un museo.

Una selezione dei romanzi di Falkberget:
Eli Sjursdotter, 1913
BrŠndoffer, 1917
B°r B°rson jr., 1920/22
Den fjerde nattevakt, 1923
Christianus Sextus, 1927-1935
Nattens Br°d, 1940-59

I suoi primi racconti (Svarte Fjelde, Terre nere, 1907; Mineskudd, La Mina, 1908; Ved den evige Sne, Presso le nevi eterne, 1908; Urtidsnat, Notte delle origini, 1909, ecc.) rendono in uno stile duro e con violenti colori la lotta aspra per la vita.

Un secondo gruppo di romanzi Ŕ costituito da racconti per il popolo (Eli Sjursdatter, 1913; Bj°rneskiytten, Il cacciatore di orsi, 1919; Sol, 1918). In tutti Ŕ presente uno spirito romantico alle prese con la realtÓ. E questo anche il carattere delle ultime opere di pi¨ risoluto impegno, dove lo studio delle anime Ŕ pi¨ approfondito, come Lisbet paa Jarnfjeld (Elisabetta di J., 1915), Brťndoffer (Sacrificio, 1918), e, soprattutto, Den fierde Nattevakt (La quarta veglia, 1924), dove nella figura del parroco Sigismund Ŕ rappresentata l'ossessionante lotta fra i sensi e la voce di Dio. (da treccani.it) 

Falkberget non dimentica mai le sue radici familiari. Tra minatori e contadini, i suoi racconti  descrivono meticolosamente la dura vita del suo paese natale. I dipinti in colori vivaci e le precise sfumature della vita popolare hanno portato lo scrittore nel firmamento della letteratura norvegese del dopoguerra. 

Ricchi di storie, i costumi e le vicissitudini dei personaggi della sua valle nativa della Norvegia settentrionale, sono raccontati nel contesto di una esistenza dura e austera. 

Cristiano Sesto Ŕ una popolare opera epica ambientata nel XVIII secolo. L'autore distingue i lavoratori di cittÓ da quelli della campagna. La seconda attivitÓ Ŕ radicata in un passato medievale, mentre il primo Ŕ legato alle rivoluzioni moderne di trasporto e dell'industria. Incoraggiato dal padre, un grande lettore di Victor Hugo e Emile Zola, introdotto all'arte della narrazione da sua madre e dallo zio, Johan Peter ha assimilato fin da molto giovane una ricca tradizione di famiglia e ha mantenuto una costante preoccupazione per raccontare storie vere, documentabili e credibili

Il suo primo libro apparve nel 1901. Il romanzo di montagna "Lisbeth", pubblicato nel 1914, ha definitivamente stabilito la reputazione dello scrittore con immagini ed evocazioni sobrie e potenti. Al di lÓ della semplice cornice che si attacca alla vita di Lisbeth, il suo difficile rapporto con il marito Bj÷rn Hallvarne e Sivert Fj÷lebu con il suo amante, il romanzo mostra una saga di sofferenza umana e le lotte infinite con le forze naturali. 

Gli altopiani del suo paese natale assumono l'aspetto di un paesaggio segnato da ambiguitÓ, a volte paesaggio fiabesco a volte da incubo. Personaggi popolari non sono stereotipati: sono caratteri speciali guidati da un forte desiderio di ogni momento, portato via da una sorta di istinto di sopravvivenza incorporato, a volte trafitto da una crudeltÓ disattenta. 

La quarta veglia, pubblicato nel 1923, Ŕ un romanzo storico la cui azione si realizza durante gli anni grigi del freddo, della fame e della guerra, tra il 1807 e il 1815. Per il personaggio anziano Benjamin Sigismondo, giovane pastore recentemente trasferito con la moglie e i figli in un centro minerario, porta il processo di orgoglio e finse autoritÓ sovrana. Il sacerdote afferma di portare la ferrea legge di Dio e riesce utilizzando un'autoritÓ inflessibile per superare le anime ribelli. Ma il pastore intrattabile, consigli donatore per la sua immagine virtuosa senza macchia e senza peccato, soccombe per l'amore di una contadina e perchÚ dopo le avventure di morte di due vite. 

Shattered in questa tragedia Sigismondo pastore che voleva piegare la testa prima che l'ordine divino, come nei tempi antichi Ŕ ora dedicata alla penitenza. Il romanzo epico, a volte tragico, a volte rivela fortemente uno sfondo solidale con il mondo laboriosi umili, facchini, costi quel che costi, proverbi pieni di saggezza, il calore e la vera gioia. Questo background porta con esuberante umorismo interruzioni improvvise scene drammatiche danno modo di ballare e feste, ruvida fabbro Ol-Kalenera che si trasforma in violinisti e Sexton mantiene un linguaggio saporito e terroso. L'eroina Ann-Magritt i quattro volumi dell'album Pane della notte Ŕ una figura esemplare di patriottismo umili. Esso esprime l'ideale di pura bontÓ. Se il pane la notte significa il minerale, il tema dominante Ŕ l'impegno sociale e il contesto reale della scrittura, della resistenza norvegese dopo la breve e violenta conquista tedesca nel 1940 e la tutela dello Stato la lenta ricostruzione del paese distrutto e rovinato, spiega anche la distribuzione del lavoro, paradossalmente rigorosa, costruita su una storia del XVII secolo. 

I primi scritti di Bear Whisper mostrano molla che il giovane autore Falkberget conoscono prima, e sa come raccontare la vita della montagna, ha osservato e che incontra. fraternitÓ sociale Ŕ presentato ai romanzi di sua maturitÓ letteraria. Il suo carico lingua di evocazioni simboliche, ma questa mutazione impone una documentazione pi¨ approfondita Mentre si scava nella storia e lontano da un mondo familiare. Evoca la punizione di uomini nei romanzi a 1920 e segna l'opposizione binaria, cosý caratteristica della Norvegia letteraria, tra l'amore e la violenza, un tempo di popolare e sregolatezza che il rigore implacabile del mondo reale. La trasformazione di superstiti contadino necessario attraverso ulteriori doloroso compito, lavoratore dipendente e moderno in cattivitÓ a perdere il controllo della loro vita e la scelta della sua vita. La quarta veglia notturna Ŕ imparare l'umiltÓ di fronte a Dio pur mostrando rispetto e gentilezza verso la piccola gente. 

Le ultime due opere lunghe propongono una prospettiva visionaria sulla cultura popolare. Sono immersi in una strana atmosfera di un mondo composito intorno alla miniera, che vanno dall'etÓ classica e il tempo dei Lumi. L'autore tenta una sintesi simbolica delle caratteristiche della cultura occidentale, cercando di conciliare, anacronisticamente, il luteranesimo, il cattolicesimo, il paganesimo, il socialismo popolare. 

Lo scrittore appartiene alla corrente neo-romantico esprimendo i suoi sentimenti e la conoscenza realistica documentato dalla sua scrittura.

Galleria Fotografica

I Parchi Letterari«, Parco Letterario«, Paesaggio Culturale Italiano« e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®