Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Il successo emozionale e pratico del National Park Service

09 Dicembre 2020
Il successo emozionale e pratico del National Park Service
La cultura, particolarmente quella legata al territorio, è un fortissimo catalizzatore per lo sviluppo delle economie locali. Di Alberto M. de Marsanich

È in una parola. Ogni volta che ripetiamo “cultura” l’origine latina (colĕre, coltivare) inconsciamente ci ricorda il profondo legame con il territorio. Nel 2018 è nato il progetto, dedicato alla “Cultura delle Comunità”, tra il Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari dei Carabinieri (C.U.F.A.) ed i Parchi Letterari®

Il legame tra l’Arma dei Carabinieri con la cultura ed il territorio si mantiene sulla linea di una lunga tradizione storica di eccellenza e di competenze riconosciute internazionalmente. Vale la pena ricordare, oltre al Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. 

Ogni comunità è caratterizzata dal proprio insieme di valori, simboli, concezioni, credenze, modelli di comportamento e attività materiali. Conservare le identità per "aprire ciò che è nel mondo al mondo", partendo dalle comunità locali nazionali e proiettando la conversazione verso il mondo è un processo che ricorda il parallelo storico tra l’evoluzione dell’idea di tutela naturale e culturale negli Stati Uniti d’America ed in Italia. Naturalmente con modalità differenti ed autonome, sia negli Stati Uniti d’America che in Italia il processo di coesione dell’identità nazionale è stato caratterizzato storicamente anche dal riconoscimento della centralità della tutela dell’eterogeneità culturale ed ambientale locale. 

Oggi, per sottolineare quanto l’idea sia attuale ed essenziale, la prospettiva si è allargata ancora per divenire globale (UNESCO, 1992 World Heritage Convention,il primo strumento legale internazionale a protezione del paesaggio culturale, “cultural landscape”).

Era il 1822 quando Carlo Felice, re di Sardegna, istituì il Corpo Forestale dello Stato. Nel 1872 Ulysses S. Grant fonda Yellowstone, il primo parco nazionale degli Stati Uniti d’America, e George Perkins Marsh, il padre dell’idea, diventa il primo ambasciatore degli Stati Uniti d’America presso il neonato regno d’Italia (“L'Ambasciatore delle Foreste” - Di Paolo Ciampi, Ed. Arkadia, 2018). Nel 1916 Woodrow Wilson fonda il National Park Service.

Il parallelo continua a proposito del concetto di paesaggio culturale, “cultural landscape”, tra l’idea di Stanislao Nievo nel 1976 in Italia e la codifica nel 1981 nella mission del National Park Service in USA.

Il profondo legame emozionale, oltre che certamente intellettuale ed istituzionale, che si è creato tra il popolo americano ed i propri parchi, con più di 318,2 milioni di visite l’anno (fonte: National Park Service, 2018) ed innumerevoli pubblicazioni ed iniziative, è non solo fonte d’inspirazione astratta per l’esperienza Italiana ma potrebbe essere la base di una collaborazione basata sulla condivisione di valori e competenze maturate in un lungo processo di evoluzione storica e culturale. 

Conservare la complessità biologica e culturale di cui l’Italia è ricca è certamente il modo per mantenere viva una parte fondamentale della propria identità ma è anche l’assunzione di una responsabilità più ampia, globale, nell’arricchire con la diversità di contributi la piattaforma comune di dialogo.

Ed è sempre in una parola. Cultura per seminare e raccogliere. Dal pragmatismo Statunitense potremmo imparare che per le comunità locali il potenziale volano economico è immenso. 

Nel 2018 (fonte: National Park Service) la spesa dei visitatori nelle aree del National Park System è stata di 20,2 mld usd con un contributo all’economia nazionale di 329.000 posti di lavoro, 13,6 mld usd in redditi da lavoro, 23,4 mld usd in valore aggiunto e 40,1 mld usd in produzione economica.

E questo soprattutto dimostra come la cultura, particolarmente quella legata al territorio, sia un fortissimo catalizzatore per lo sviluppo delle economie locali. Ci ricorda il valore fondamentale e di lungo periodo nell’investimento diretto alla tutela, alla promozione ed all’accessibilità (sperando anche ci convinca dell’inopportunità di abusare del concetto di valorizzazione di breve periodo).

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari

In foto: Lungo il sentiero che porta alla cascata dell'Acquacheta e Eremo di Camaldoli foto Reparto Carabinieri Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Parco Letterario Emma Perodi; percorsi natutralistici e letterari nel Parco Letterario Eugenio Montale a cura del Reparto Carabinieri Parco Nazionale Cinque Terre; Stand "Riserve Culturali" a Fermo in collaborazione con  il Comando Regione Carabinieri Forestale Marche; Incontri al C.U.F.A. Teatro Stabile di Potenza,  "Riserve Naturali e Parchi Letterari. tra musica e poesia" a cura del Comando Regione Carabinieri Forestale Basilicata; 3° Conferenza Internazionale sull’Ambiente-Biodiversità


Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

10 Febbraio: Giornata mondiale dei legumi

Il 10 febbraio è la Giornata mondiale dei legumi. La scelta dell'Onu è quella di dirigere gli sguardi del mondo verso questi semi pregiati e sui loro vantaggi. Di Alberta Branciaroli Piroci

Le Riserve naturali del Lago di Tarsia e della Foce del Crati tra natura e cultura

Con il Museo di Ferramonti le Riserve da anni hanno avviato e consolidato un rapporto di collaborazione sinergica per valorizzare il territorio e le sue risorse naturali e culturali. di Agostino Brusco

La coltivazione dell’abete di Natale in Casentino. L'albero nella letteratura e nell’arte

In Casentino ben 150 ettari di terreno sono destinati all’attività vivaistica dell’albero di Natale. Una tradizione senza confini da Goethe a Dickens, dalla Perodi ad A. Dumas, da Elliot a Dino Buzzati. Di Alberta Piroci

Crespi d’Adda, un bell'esempio di villaggio operaio

Nel 1995 il sito è divenuto patrimonio dell’umanità dell’UNESCO ed è il più completo e meglio conservato del Sud Europa. Di Giovanna Musolino

Il giorno del giudizio

Osservo sgomenta l’impetuoso fiume di fango che ha attraversato e devastato Bitti e una vasta parte della provincia di Nuoro nei giorni scorsi. Penso alla fragilità del nostro territorio. Di Chiara Mezzalama

Il Sasso del Regio nel Casentino celebra il culto della rinascita

Il complesso simbolico del Sasso del Regio nel Parco delle Foreste Casentinesisarebbe ascrivibile ad un culto della fertilità, ma non legato alla natura umana, quanto piuttosto al morire e risorgere della vegetazione.
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®