Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Gabriele d'Annunzio, Mantova e il Palazzo Ducale

16 Dicembre 2020
Gabriele d'Annunzio, Mantova e il Palazzo Ducale
Il Vate visitò almeno quattro volte la città virgiliana. Il suo grande amore fu Palazzo Ducale . Di Graziano Mangoni

La storia e le cronache del tempo ci tramandano l'antico amore di Gabriele d'Annunzio con la città di Mantova e il Palazzo Ducale, arricchito da aneddoti originali come originale e' stata la sua vita avventurosa spesso oltre le righe ma che fa di lui, oltre che un illustre scrittore, un personaggio inimitabile. 

Il Vate visitò almeno quattro volte la città virgiliana rimanendo sempre incantato dal ponte di San Giorgio, con la vista del castello, e affascinato dalle acque tranquille dei suoi laghi e dal gracidare delle rane che, a suo dire, superavano in armonia perfino quelle del ravennate. Il suo grande amore fu però Palazzo Ducale fin dalla prima volta che giunse a Mantova nel maggio 1907, ed è proprio nel palazzo gonzaghesco che rimase colpito dal soffitto ligneo della camera del Labirinto con la scritta "Forse che si, forse che no", il motto del titolo del suo libro pubblicato poi dai fratelli Treves di Milano nel 1910. 
Evidentemente d'Annunzio ci pensò prima di dare il titolo al romanzo poiché, quando ritornò  per la seconda volta in Palazzo Ducale nel settembre 1909, visitò e ammirò a lungo il soffitto ligneo a labirinto di una delle stanze ducali. 

Nelle sue escursioni in città  non mancò di andare nella Basilica di Sant'Andrea a visitare la Cappella con la tomba del Mantegna, mentre la terza volta, era il marzo del 1910, il Vate arrivò a Mantova nel tardo pomeriggio e si rammaricò di non poter andare in Palazzo Ducale, ma tenne una dotta conferenza al Teatro Sociale ricordando, tra l'altro la patria di Virgilio a lungo celebrato anche nella Divina Commedia di Dante Alighieri. L'ultima volta , a quanto si sa, che Gabriele d'Annunzio tornò a Mantova fu nel luglio del 1937 per visitare la mostra Iconografica Gonzaghesca allestita in Palazzo Ducale con dipinti esposti nella Sala di Apollo o Sala degli Stucchi nell'appartamento grande del Castello. 

Furono esposte nella rassegna in quell'occasione centinaia di opere giunte per la prima volta dai più importanti musei d'Italia e d'Europa, firmate da Pisanello, Donatello, Mantegna, Raffaello, Tiziano, Pourbous, Rubens e molti altri artisti. Sicuramente fu un evento grandioso, mai più ripetuto sulla ritrattistica gonzaghesca, al quale parteciparono invitati eccellenti. Oltre al Vate ci fu la presenza del re Vittorio Emanuele III e del principe Umberto di Savoia. La mostra si tenne anche con l'inaugurazione dei restauri della reggia e, in particolare della Camera Picta del Mantegna che il sommo poeta poté ammirare in tutto il suo splendore.

Ai suoi accompagnatori nella visita scherzando, affermò: "Voglio venire a stare sempre nel Palazzo Ducale. Mi volete come custode, come impiegato del Palazzo? Mi contento di poco, di settanta lire". Ricevette in omaggio, si presume dal Direttore Clinio Cottafavi a cui si devono ricondurre i restauri, un'acquaforte di Antonio Carbonati, un artista mantovano che aveva acquisito una certa fama anche a Parigi, che raffigurava il tanto amato Palazzo Ducale. Pensiamo che omaggio piu' gradito non ci potesse essere per d'Annunzio, cosi' come gradita e preziosa e' stata per la Società per il Palazzo Ducale, storica associazione  senza scopo di lucro istituita nel 1902, la donazione testamentaria di oltre cinquecento opere dell'artista. 

 GRAZIANO MANGONI Presidente della Società per il Palazzo Ducale 

*L'articolo è tratto con notizie dal libro di Gilberto Scuderi " Mantova -docet-storia di una citta' fantastica"


Virgilio: pascoli, campagne e condottieri a Pietole
Scopri il parco

Virgilio: pascoli, campagne e condottieri a Pietole

Borgo Virgilio (Mantova)

...propter aquam, tardis ingens ubi flexibus errat Mincius et tenera praetexit harundine ripas. (Georg. III, 10-15)

Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Borgo universo

Silone stenterebbe a riconoscere i conterranei. Se da Pescina si incamminasse fino ad Aielli troverebbe all’ingresso del paese un segno del mutare del tempo: un edificio industriale abbandonato su cui uno street artist ha disegnato lucciole e cinghiali

Gesualdo Bufalino e Comiso

Da amanti è il rapporto che lega uno scrittore al suo luogo di nascita. Quello tra Bufalino e Comiso è tra i più appassionati e duraturi: "...dei ventitremila giorni e passa che ho vissuto finorane avrò trascorso in questo luogo almeno ventunmila..."

Fuga in provincia con Tommaso Landolfi

Landolfi è una delle penne più raffinate della letteratura europea del Novecento. Fu perlopiù autore di racconti fantastici, contrassegnati da una pungente vena dissacrante sia nei confronti dei costumi tradizionali italiani che della società di massa

Nostalgia, sogno e libertà

Come disse eloquentemente lo scrittore israeliano Eshkol Nevo: “Casa è un posto in cui puoi tornare se vuoi. E non c’è bisogno di avere più di un posto del genere”.

Letteratura, viaggio ed escamotage ai tempi del digitale.

In un mondo rimpicciolito e omologato, in cui macchine e computer ci consentono di solcare immense porzioni di spaziotempo, la letteratura indica un territorio sconosciuto e sconfinato, regioni straniere che coincidono col dominio dell’invisibile

Ovidio: Cantore dei teneri amori

Tenerorum lusor amorum: così si definisce Ovidio in un verso di una elegia scritta dall’esilio (Tristia IV, 10, 1), considerata una sorta di testamento spirituale per farsi conoscere dalla posterità.
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®