Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Natale in Casa Cupiello, una tragicommedia sempre attuale

23 Dicembre 2020
Natale in Casa Cupiello, una tragicommedia sempre attuale
Lucariello è un personaggio che ci appare, all’inizio del dramma, fragile, sognatore, facile vittima dell’umana brutalità ma alla fine si scopre essere il più forte

Il rosso sipario si alza, la scenografia si rivela: una camera da letto modesta ma decorosa, lo scheletro di un presepe non ancora ultimato. Un suono di ciaramelle in lontananza, il ciabattare di una donna che si affaccenda e pronuncia la celeberrima: “Lucarié, Lucarié, scetete songh ‘e nove!”. Lucariello, lentamente, si materializza: è sepolto sotto le coperte e completamente avvolto in sciarpe e scialletti. È l’inizio del primo atto di Natale in casa Cupiello, la cui gestazione fu così travagliata da essere definita dallo stesso Eduardo de Filippo, che la scrisse nel 1931 “Parto trigemino con una gravidanza di quattro anni”

La tragicommedia si avvia. Una famiglia napoletana si appresta a festeggiare degnamente il Natale, festa ricordevole. Le scaramucce sono quelle bonarie e mai malevole, tipiche di qualsivoglia nucleo familiare. L’incalzare dei dialoghi delinea e scolpisce i personaggi: Lucariello è mite e sognatore, Concetta è una madre iperprotettiva, Tommasino è il figlio infantile e viziato, la cui sola ribellione verso l’autorità paterna si incarna nel rifiuto di ciò che il padre più ama: ‘o presepe. In casa Cupiello vive anche il fratello di Luca, Pasqualino, ingrato e astioso. La famiglia si completa con Ninuccia, figlia di Luca e Concetta, maritata al ricco commerciante Nicolino. 

Le battute esilaranti talvolta assumono una coloritura dissonante, i toni divertenti cominciano ad avere un sapore agrodolce. Si profila quella tragedia di cui Luca continua a essere ignaro: la relazione extraconiugale di Ninuccia e la sua decisione di lasciare il marito, che porterà a conseguenze fatali. La scoperta della verità schianta Lucariello. Colpito da un ictus, Cupiello torna in quel letto da cui si era scetato nel primo atto e in cui si sta per adduormere definitivamente; i fuochi d’artificio segnalano una festa che incalza, ignara del dolore di una famiglia che trova, infine, unione al capezzale del moribondo. 

Il rosso sipario cala, nella mente si affollano le riflessioni su un’opera estremamente complessa, un dramma garbatamente feroce: la fuga da una verità dolorosa, la schiavitù delle convenzioni sociali, la paura dello scandalo, l’incapacità di crescere, l’ipocrisia e i compromessi delle relazioni familiari. Tratti che caratterizzano ora questo, ora quel personaggio, ma che, insieme, vanno a comporre l’amaro percorso di molte esistenze. 

Il contrasto tra apparenza e realtà è simbolizzato sommamente da Luca. La sua malattia segna il distacco definitivo da quella vita non corrispondente ai suoi ideali, che ha cercato, inutilmente, di addolcire con magia e poesia fanciullesche. Quel personaggio che ci appare, all’inizio del dramma, fragile, sognatore, facile vittima dell’umana brutalità alla fine si scopre essere il più forte, il vero vincitore: la malattia lo libera dal peso di una vita per la quale era inadatto, lo trasporta in una dimensione di serenità e bontà; i familiari finalmente ne comprenderanno il valore e Tommasino, raccogliendo quell’eredità che ha prima dovuto combattere, potrà cominciare ad amare ‘o presepe.

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari


Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Pinocchio di Madè. Un naso lungo … Centoquaranta anni!

Ci sono libri che hanno la capacità di superare il tempo e riproporsi, con contenuti sempre attuali, alla sensibilità di diverse generazioni di lettori: il Pinocchio di Collodi è sicuramente uno di questi.

L’anello del vescovo e la battaglia di Campaldino

“Il castello di Poppi gli apparve da lontano, alto sulla piana dell’Arno, sentinella sul fiume e sulla via di Bibbiena". L'11 giugno 1289 l’oste guelfa da Firenze e i ghibellini di Arezzo avrebbero impugnato le armi nella piana di Campaldino

Una vitale incertezza

Quest’anno al mare ho letto un libro diverso dalle letture che riservo per la settimana di vacanze. L’ho scelto non tanto per il titolo - L’esercizio della filosofia – quanto per il sottotitolo: Per una vitale incertezza. Attualissimo, dunque.

Il “Teatro del Corvo” e il libro di Erin Shields. Here We are (Eccoci – Siamo qui)

Here We Are, è un libro ambientato in un teatro, che si legge, legge sè stesso, mentre il lettore di oggi rivive e quello di domani rivivrà le esperienze che tutti noi abbiamo vissuto..nel “vostro angolo di questo mondo insano, impazzito, al momento"

Ernst Bernhard: Einzelgänger poliedrico, 'influencer' ante litteram. Un'istantanea

Ernst Bernhard introdusse la psicologia junghiana in Italia dandole un'impronta profondamente personale e contribuì in modo determinante alla sprovincializzazione del Paese. Oggi un ricco archivio è a disposizione degli studiosi.

Parco Letterario - Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia (Cs) per l'European Heritage Label

Ferramonti e Ventotene, un campo di concentramento e una località di confino, candidate al Marchio del Patrimonio Europeo. Di Stanislao de Marsanich
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®