Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Leonardo Sciascia, lo scrittore alla ricerca perenne della verità

06 Gennaio 2021
Leonardo Sciascia, lo scrittore alla ricerca perenne della verità
Per il centenario dalla sua nascita i festeggiamenti partono da Racalmuto, la sua città natale, per diffondere la sua genialità ovunque.

Scrittore, giornalista, saggista, drammaturgo, poeta, politico, critico d'arte e insegnante: con le sue narrazioni Leonardo Sciascia (nato a Racalmuto l' 8 gennaio 1921) fu una voce fuori dal coro. Usò la sua arte con il convincimento di suscitare problematiche, di dar fastidio andando oltre la retorica culturale, al fine di fare emergere ad ogni costo la verità, seppur scomoda. La disperata bellezza della terra Sicula gli diede i natali e la possibilità di forgiare la spaventosa lungimiranza del suo pensiero su giustizia, libertà, mafia e sulla società in generale.  


Durante la sua vita, Sciascia fu un cercatore di verità, una verità non dogmatica ma con una visione laica. Il suo pensiero era affine a quello  di Karl Marx, Friedrich Nietzsche e Sigmund Freud, i quali affermavano che dietro ai fenomeni culturali, alle norme e idee morali, si nascondessero meccanismi di altra natura, motivi diversi da quelli dichiarati, cioè interessi economici, desideri o pulsioni istintive.
Dentro questo orizzonte filosofico, Sciascia  matura l’idea che la coscienza che l’uomo ha di se stesso non è in grado di cogliere la verità, che non vi è coincidenza immediata tra apparenza e struttura profonda della realtà,  dunque occorre una «decifrazione» di tale coscienza.
Per Sciascia la contraddizione appartiene all’ontologia dell’uomo, ragion per cui facendo propria la lezione di Nietzsche, egli nelle sue opere giunge quasi sempre alla conclusione che non si può pensare la verità come descrizione oggettiva delle cose; la verità diventa un concetto limite, continua tensione, sforzo incessante che rincorre il fluire costante della vita. Per Sciascia il sospetto è una necessità legittima e dentro i meandri del sospetto appare naturale anche la contraddizione, perché la verità non esiste di per sé. 

Sciascia ha cercato la verità anche da scrittore, sia trasponendola nella diversa verità della letteratura, sia cercandola con gli strumenti stessi e con la specificità della letteratura. Con la mostra fotografica "Leonardo da Regalpetra" di Pietro Tulumello si aprono a Racalmuto le iniziative a "CasaSciascia" dedicate al centenario della nascita di Sciascia. 

Nonostante le restrizioni dovute all'emergenza Covid, non si fermano le iniziative culturali programmate per tutto il 2021. Un programma che prevede gli interventi di giornalisti, scrittori, magistrati, politici, artisti e studenti. 

In occasione dei 100 anni dalla nascita di Leonardo Sciascia, segnaliamo l'incontro di sabato 9 gennaio alle ore 18 in diretta streaming, organizzato sulla pagina facebook dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Caltanissetta, in cui interverranno l'assessore alla Cultura del Comune di Caltanissetta, professoressa Marcella Natale, l'Assessore alla Cultura del Comune di Racalmuto dott. Enzo Sardo, la professoressa Marisa Sedita, presidente della Comitato Dante Alighieri di Caltanissetta e del Parco Letterario Rosso di San Secondo, il dott. Matteo Collura, giornalista e scrittore, il direttore della Fondazione Sciascia professore Antonio Di Grado e il nipote di Leonardo Sciascia regista Fabrizio Catalano, coordinatore per le iniziative del centenario sciasciano. (La locandina del programma è di seguito allegata). 

Sciascia diceva: «Sono arrivato alla scrittura-verità, e mi sono convinto che, se la verità ha per forza di cose molte facce, l’unica forma possibile di verità è quella dell’arte. Lo scrittore svela la verità decifrando la realtà e sollevandola alla superficie, in un certo senso semplificandola, anche rendendola più oscura, per come la realtà spesso è».  


Tornare a riflettere sulla sua opera è necessario, come necessario è tornare a leggere i suoi romanzi, per riscoprire la sua genialità. 

Credits Foto di copertina: Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari



Pier Maria Rosso di San Secondo
Scopri il parco

Pier Maria Rosso di San Secondo

Caltanissetta

L’uomo è legato alla sua terra assai più indistruttibilmente delle piante, benché possa muoversi, andare, venire. Anzi, più si muove, esplorando altri climi così fisici che spirituali, e più approfondisce, comparando e distinguendo, i caratteri che lo contraddistinguono.

Vai alla pagina facebook dell'Ass. Cultura del Comune di Caltanissetta
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Pinocchio di Madè. Un naso lungo … Centoquaranta anni!

Ci sono libri che hanno la capacità di superare il tempo e riproporsi, con contenuti sempre attuali, alla sensibilità di diverse generazioni di lettori: il Pinocchio di Collodi è sicuramente uno di questi.

L’anello del vescovo e la battaglia di Campaldino

“Il castello di Poppi gli apparve da lontano, alto sulla piana dell’Arno, sentinella sul fiume e sulla via di Bibbiena". L'11 giugno 1289 l’oste guelfa da Firenze e i ghibellini di Arezzo avrebbero impugnato le armi nella piana di Campaldino

Una vitale incertezza

Quest’anno al mare ho letto un libro diverso dalle letture che riservo per la settimana di vacanze. L’ho scelto non tanto per il titolo - L’esercizio della filosofia – quanto per il sottotitolo: Per una vitale incertezza. Attualissimo, dunque.

Il “Teatro del Corvo” e il libro di Erin Shields. Here We are (Eccoci – Siamo qui)

Here We Are, è un libro ambientato in un teatro, che si legge, legge sè stesso, mentre il lettore di oggi rivive e quello di domani rivivrà le esperienze che tutti noi abbiamo vissuto..nel “vostro angolo di questo mondo insano, impazzito, al momento"

Ernst Bernhard: Einzelgänger poliedrico, 'influencer' ante litteram. Un'istantanea

Ernst Bernhard introdusse la psicologia junghiana in Italia dandole un'impronta profondamente personale e contribuì in modo determinante alla sprovincializzazione del Paese. Oggi un ricco archivio è a disposizione degli studiosi.

Parco Letterario - Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia (Cs) per l'European Heritage Label

Ferramonti e Ventotene, un campo di concentramento e una località di confino, candidate al Marchio del Patrimonio Europeo. Di Stanislao de Marsanich
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®