Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Addio a Franco Loi, il poeta milanese

04 Gennaio 2021
Addio a Franco Loi, il poeta milanese
Loi è considerato uno dei maggiori poeti italiani del dopoguerra e uno dei piu' grandi in dialetto milanese. di Massimiliano Bellavista

Un esordio tardivo, tra i quaranta e i cinquanta, un grande poeta.

Si è spento Franco Loi. Una voce intensa e forte della poesia italiana. Un talento che viene dal teatro (collaborò con Fo e Rame). Inizia a scrivere negli anni Settanta, a Milano, solo, d’estate davanti alla vita, che gli sembra in quel momento priva di valori e di ideali. Scrive in quel ricco e personalissimo dialetto che, negli anni settanta, è ‘quasi una lingua’, aperta ai contributi esterni, stranieri, degli immigrati.

E mì, che ‘l pass dansàss/ slargàss de l’aria,/ e là, ‘me’n inventàm, par aqua ferma/…. 
E io, certo che il mio passo danzasse/ e s’allargasse e s’addolcisse l’aria negli spazi/là come se io me l’inventassi, vedevo come l’acqua ferma ….

Una poesia fattasi, di anno in anno, più metafisica e più lirica.

Quajcoss gh’è stà…Ma cosa? Quan’, giò ‘ telun/ resta dumà ‘l record, squasi nient, un sogn/ scunfüs de parol e de fatti, el sens/ che, forsi, ‘ n altra volta turnarèm, / per mej vardà, capì, tegnì, per semper/ ‘me ‘ bigliètt in sacoccia, la verità…

Qualcosa c’è stato… Ma cosa? Quando, giù la tela,/resta soltanto il ricordo, quasi nulla, un sogno/confuso di parole e di fatti, il senso/che forse, un’altra volta torneremo/per meglio guardare, capire, tenere per sempre/come il biglietto in tasca, la verità

Una voce che ha meritato, merita e meriterà la nostra memoria e la nostra lettura.


Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Pinocchio di Madè. Un naso lungo … Centoquaranta anni!

Ci sono libri che hanno la capacità di superare il tempo e riproporsi, con contenuti sempre attuali, alla sensibilità di diverse generazioni di lettori: il Pinocchio di Collodi è sicuramente uno di questi.

L’anello del vescovo e la battaglia di Campaldino

“Il castello di Poppi gli apparve da lontano, alto sulla piana dell’Arno, sentinella sul fiume e sulla via di Bibbiena". L'11 giugno 1289 l’oste guelfa da Firenze e i ghibellini di Arezzo avrebbero impugnato le armi nella piana di Campaldino

Una vitale incertezza

Quest’anno al mare ho letto un libro diverso dalle letture che riservo per la settimana di vacanze. L’ho scelto non tanto per il titolo - L’esercizio della filosofia – quanto per il sottotitolo: Per una vitale incertezza. Attualissimo, dunque.

Il “Teatro del Corvo” e il libro di Erin Shields. Here We are (Eccoci – Siamo qui)

Here We Are, è un libro ambientato in un teatro, che si legge, legge sè stesso, mentre il lettore di oggi rivive e quello di domani rivivrà le esperienze che tutti noi abbiamo vissuto..nel “vostro angolo di questo mondo insano, impazzito, al momento"

Ernst Bernhard: Einzelgänger poliedrico, 'influencer' ante litteram. Un'istantanea

Ernst Bernhard introdusse la psicologia junghiana in Italia dandole un'impronta profondamente personale e contribuì in modo determinante alla sprovincializzazione del Paese. Oggi un ricco archivio è a disposizione degli studiosi.

Parco Letterario - Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia (Cs) per l'European Heritage Label

Ferramonti e Ventotene, un campo di concentramento e una località di confino, candidate al Marchio del Patrimonio Europeo. Di Stanislao de Marsanich
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®