Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Parole in viaggio, in camper alla scoperta delle meraviglie dei Parchi Letterari

18 Marzo 2021
Parole in viaggio, in camper alla scoperta delle meraviglie dei Parchi Letterari
Protocollo d’intesa, prima esperienza in Italia, siglato con la storica Confedercampeggio. Tra gli obiettivi incentivare il turismo itinerante e sostenibile nelle aree interne dei Parchi Letterari

Protocollo d’intesa, prima esperienza in Italia, siglato con la storica Confedercampeggio. Tra gli obiettivi incentivare il turismo itinerante e sostenibile nelle aree interne ed essere di stimolo per la creazione di nuove aree di sosta utili a richiamare flussi turistici qualificati e creare indotto economico

Rilanciare e incentivare il turismo itinerante e sostenibile nei luoghi dei Parchi Letterari e, nel contempo, promuovere una serie di iniziative volte ad attrezzare i territori all’accoglienza di chi viaggia in camper, caravan, tenda e pratica attività outdoor.

Sono i principali obiettivi del protocollo d’intesa appena siglato fra la Confederazione Italiana Campeggiatori (Confedercampeggio) e l’Associazione I Parchi Letterari Paesaggio Culturale Italiano Srl: si tratta della prima esperienza del genere in Italia e che, di fatto, coniuga due realtà splendide e complementari. Da un lato la magia di territori – spesso poco noti al turismo di massa - che, nel corso dei secoli, sono stati fonte di ispirazione per straordinari autori, letterati e poeti, dall’altro la vivacità e la curiosità innata del “popolo itinerante”, cioè quei viaggiatori che a bordo di camper, caravan o semplicemente con zaino in spalla, amano vivere da protagonisti l’autenticità dei luoghi. Un settore, quest’ultimo, che vede nella Confedercampeggio, un solido partner associativo e di rappresentanza della categoria, forte di oltre 70 anni di storia.

«Il protocollo d’intesa è un passo importante perché, in un’epoca difficile e profondamente segnata dalla pandemia, si propone come nuovo spunto e punto di partenza per tornare a vivere e conoscere il territorio, con particolare attenzione a zone meno note ma ricchissime di straordinarie testimonianze culturali e naturalistiche  – osserva il Presidente della rete dei Parchi Letterari Stanislao de Marsanich -. Il turismo plein air è un settore che, negli anni, ha richiamato sempre più l’attenzione di un pubblico trasversale attivo e curioso: ragazzi, giovani coppie, famiglie con bambini, evergreen. I Parchi Letterari rappresentano una forma avviata di riscoperta e fruizione attenta, culturale e sostenibile dei territori e credo che questa intesa getti le basi per sviluppare modalità di turismo culturale, qualificato, ambientalmente sostenibile e adatto alla tutela e salvaguardia dei luoghi. Compresa la capacità di produrre indotto e interessanti ricadute economiche a livello locale».

L’intesa, tra l’altro, giunge alla vigilia dell’importante appuntamento con la Giornata Mondiale della Poesia promossa dall'UNESCO e celebrata il 21 marzo. Numerose le iniziative e gli appuntamenti – in questo periodo di pandemia spesso fruibili solo virtualmente – organizzati nella vasta rete dei Parchi Letterari che, ad oggi, annovera 27 realtà in Italia, 2 in Norvegia e altre 5 in via di istituzione fra Italia e Francia. «Valore culturale e fruizione sostenibile e rispettosa del territorio: credo siano questi gli elementi che, ancor prima degli altri, mi abbiano convinto a sottoscrivere e promuovere con entusiasmo il protocollo d’intesa con la florida realtà dei Parchi Letterari – commenta il Presidente Confedercampeggio Giovanni Grassi -. Negli anni il settore del turismo itinerante è cresciuto moltissimo, è radicalmente cambiato rispetto alle esperienze pionieristiche degli anni ’70 e ’80 e ha sviluppato e consolidato quelle caratteristiche di sostenibilità e fruizione attenta dei luoghi che rappresentano un valore aggiunto per i territori, in particolare i borghi e le aree interne. Altro vantaggio interessante è collegato alla destagionalizzazione: generalmente chi viaggia in caravan, e specialmente in camper, lo fa tutto l’anno. A livello individuale, ma spesso in gruppo, perché i club locali sono attivissimi sul territorio e promuovono costantemente uscite e itinerari. Sapere che la rete dei Parchi Letterari è al fianco di Federcampeggio, pronta ad accogliere i camperisti, è sicuramente un vantaggio per le migliaia di associati e per chi, comunque, pratica il turismo itinerante».

Raggiungere i Parchi Letterari significa vivere le attrazioni dei territori e praticare attività culturali (visite, trekking letterari, ecc.) e ricreative come trekking, escursioni, cicloturismo, turismo esperienziale legato ai prodotti tipici del territorio e tanto altro. «Accoglienza è la parola magica – sottolinea Stanislao de Marsanich – tanto è vero che tutti i referenti dei Parchi Letterari, in accordo con Federcampeggio, saranno chiamati, proprio nell’interesse del territorio d’appartenenza, a diffondere i valori del turismo itinerante, anche sensibilizzando gli enti gestori di Parchi naturali, oasi e riserve, le Amministrazioni locali e le Pro-loco a sostenere  la realizzazione di aree camper o aree sosta idonee ad accogliere camper e caravan».

I numeri di un settore in crescita
Una recentissima analisi condotta da APCAssociazione Produttori Camper - e da Assocamp, associazione che rappresenta concessionari e rivenditori di attrezzature per il turismo all’aria aperta, mostra l’elevato potenziale economico che le aree sosta camper hanno per i territori. Le statistiche aggiornate al 2019 indicano che il parco circolante di camper in Europa è di poco inferiore a 2,4 milioni di veicoli, a cui si sommano 3 milioni e mezzo di caravan. La stima fatta sul numero di turisti itineranti è di circa 20 milioni di persone e da uno studio realizzato dalla Società tedesca Dwif, il turismo itinerante vale 23 miliardi di euro spesi sui territori. Ed è più probabile che i turisti itineranti vadano nelle località dove ci sono le migliori condizioni d’accoglienza.

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari

Ph. Marco Giovenco


Visita il sito web della Confederazione Italiana Campeggiatori
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Paesaggi sublimi nella fiaba. Le foreste tra smarrimento e stupore

Il contatto con la natura e la sua forza benefica e primordiale, spesso provoca un cambiamento che si colora di stupore, che consente di sconfiggere il terrore atavico originariamente provato nell’isolamento del bosco.

Leonardo, la mandragora e la foglia di salvia

Leonardo ha legato anche il suo nome ad un’attentissima osservazione della Natura. Non deve quindi stupire se numerose delle sue annotazioni raccolte nel “Trattato della Pittura”, riguardino anche il capitolo “Degli alberi e verdure”

Scala dei Turchi. Un libro ancora non scritto

Per capire la Scala dei Turchi bisognerebbe magari aver letto qualcosa, per esempio un libro di Camilleri, di Pirandello o di Sciascia, gli scrittori nati qui, insomma e che di questi luoghi parlano.

Viaggio nel Patrimonio Culturale Lucano con le Pro Loco e i Parchi letterari

Sono oltre centodieci le Associazioni Pro Loco attive su tutto il territorio della Basilicata. Una realtà che rappresenta la più grande rete di promozione sociale, turistica e culturale della Regione.

Noi e l'albero: un incontro vitale

C'è una grande ricchezza e complessità nella relazione tra umani ed elementi naturali dell’ambiente,che entrano in risonanza con qualcosa di molto profondo e radicato nel nostro “paesaggio” interiore e nella nostra cultura. Di Valentina Ivancich

Mille primavere: di alberi, confini e umanità

Pizzoli ospitò Leone e Natalia Ginzburg nei giorni del loro confino il cui diario fu raccolto da Natalia in “Inverno in Abruzzo”. Un meraviglioso sguardo su un mondo antico con gli occhi di oggi e all'ombra di due monumenti della natura
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®