Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Heritocide nella regione del Tigray in Etiopia

08 Luglio 2021
Heritocide nella regione del Tigray in Etiopia
di   Foto: Gabi Bright Gabi Bright

Quali danni ha subito il Patrimonio Culturale del Tigray, in Etiopia, a causa della guerra che dal 4 novembre ha visto opporsi gli eserciti Etiope ed Eritreo nel Tigray?

Heritocide nella regione del Tigray in Etiopia  - Heritocide in Tigray region of Ethiopia (find the english version attached)

La più settentrionale delle nove regioni etniche del Paese, la Regione del Tigray, è la culla dell'Etiopia, nome citato per primo come nome alternativo al regno di Axum, allora epicentro del potere del Mar Rosso e secondo solo agli Imperi Romano e Persiano, con i quali aveva un commercio molto attivo di avorio e sale.

 Il primo regno conosciuto a sorgere in quello che oggi è il Tigray, fu "D`mt" intorno all'800 a.C. - di cui rimane il Tempio di Yeha -, poi sostituito dall'Impero Axumita, che durò almeno dal 400 a.C. al 900 d.C.. Estendendosi ben oltre l'Eritrea moderna e il Tigray, l'impero lasciò molti monumenti storici come maestose stele e le rovine di molti palazzi la cui archeologia resta ancora da studiare.

 I Tigrini sono discendenti dei primi popoli di lingua semitica che risalgono ad almeno 4000 anni, rendendo la regione il più antico luogo abitato ininterrottamente dell'Africa a sud del Sahara. La tradizione etiope vuole che la nobiltà etiope, originaria del Tigray, faccia risalire i propri antenati al re Menelik I, figlio della regina Saba e del re Salomone, così come fanno i sacerdoti della Chiesa Ortodossa Etiope Tewahedo. Attraverso il suo porto del Mar Rosso, l'allora Adulis, l'impero di Axum divenne la regione attraverso la quale le carovane mercantili arrivavano fino alla Persia e oltre, commerciando sale e avorio.

Le chiese del Tigray scavate nella roccia  mostrano i paesaggi più emozionanti e la più lunga tradizione Cristiana. Sconosciute al mondo esterno, queste chiese furono descritte per la prima volta dall'esploratrice britannica Ivy Pearce come "il più grande dei patrimoni storico-culturali del popolo Etiope". Le chiese rupestri sono semi-monolitiche (solo parzialmente separate dalla dura roccia) o scavate nelle grotte. Ci sono più di 200 di queste chiese rupestri tra Gheralta e Adua, molte delle quali con una accessibilità  relativamente facile, ma alcune possono essere raggiunte solo inerpicandosi lungo passaggi difficili o addirittura scalando pareti rocciose. 

Il Tigray è anche sede della moschea Nejashi, che si dice sia la prima moschea in Africa e una delle più antiche moschee del mondo, dove i primi seguaci del Profeta Maometto (pbsl) furono perseguitati e oppressi nella loro stessa terra dalla tribù Quraysh della Mecca per la loro fede nell'Islam. “Il profeta Maometto si rese conto che non poteva proteggere i suoi seguaci dagli attacchi e disse: "Vai all'Habesha, lì c'è un re cristiano. C'è giustizia nel suo regno. Habesha è la terra della verità. Pertanto, vai lì finché non otteniamo la vittoria con l'aiuto di Allah.” Quindici compagni del Profeta Maometto (pbsl) ebbero la loro prima migrazione (ègira/hijira) e arrivarono nel territorio dell'Impero Axumita nel 615 d.C., migrazione seguita da una seconda con un gruppo più grande di circa 101 persone. 

Il Tigray contribuisce in gran parte al patrimonio materiale e immateriale dell'Etiopia e parte del contributo dei Tigrini non è solo all'Etiopia ma alla nostra storia umana nel mondo. Di seguito sono riportati alcuni degli esempi del ricco patrimonio culturale del Tigray. 

  • L'ultima dimora dell'Arca biblica dell'Alleanza, una cassa di legno dorato costruita su istruzione di Dio con i Dieci Comandamenti.
  • Il primo popolo/civiltà a coniare moneta in Africa.
  • L'alfabeto e la numerazione Geez.
  • Il calendario Etiope.
  • Il primo popolo/civiltà ad accettare ufficialmente il Cristianesimo.
  • Il primo insediamento Mussulmano.
  • Sede della Bibbia più antica e completa della terra.
  • L'obelisco più alto mai eretto, l'Obelisco di Axum.
  • La vittoria di Adua.
  • La prima notazione musicale al mondo

Cosa è successo al Patrimonio Culturale? La guerra nella regione settentrionale del Tigray in Etiopia - che dal 4 novembre vede opposti gli eserciti Etiope ed Eritreo contro il governo eletto del Tigray - ha suscitato preoccupazione per il suo bilancio umanitario, con decine di migliaia di Tigrini in fuga nel vicino Sudan e accuse di genocidio e crimini violenti contro civili. Le accuse di atrocità, stupri, genocidi e crimini contro l'umanità stanno diventando la prima pagina di tutti i media occidentali, ma viene data poca attenzione ai crimini contro il patrimonio culturale. Come disse una volta l'ex Direttore Generale dell'UNESCO "La distruzione della cultura è un elemento di una strategia globale di odio, e la lotta contro l'impunità e il rispetto per lo stato di diritto devono essere parte integrante di una visione più ampia per la pace". 
A causa della guerra attiva, sembra difficile conoscere l'esatto danno sul patrimonio culturale. 

Finora ciò che si sa è che:

  • Centinaia di civili sono stati massacrati ad Axum dalle truppe eritree mentre difendevano l'Arca dell'Alleanza originale.
  • La Moschea al-Nejashi, la prima moschea in Africa, è stata bombardata. La sua cupola, il minareto e le tombe di personaggi islamici sono stati danneggiati. 
  • Più di 86 chiese e monasteri antichi e medievali sono stati saccheggiati, distrutti o danneggiati.
  • Le antiche monete di Axum sarebbero state rubate dal museo archeologico della città di Axum.
  • L'antico Monastero di Debre Damo, accessibile solo con la tunica, è stato saccheggiato e bombardato.
  • I manoscritti, patrimonio di diverse chiese e monasteri sono stati rubati dalle truppe Etiopi ed Eritree.
  • Beni mobili come antiche croci, cestrum, corone sono stati sottratti a chiese e monasteri dalle truppe Etiopi ed Eritree. 

Si può immaginare perché le truppe Eritree siano coinvolte in tale crimine contro il patrimonio culturale, ma perché le truppe Etiopi siano attivamente coinvolte in tale crimine contro la propria eredità culturale rimane senza risposta. Stanno commettendo crimini contro la loro stessa eredità o stanno dicendo al mondo che il Tigray non fa parte dell'Etiopia? Il tempo ci darà la risposta.

Gabi Bright


Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari

ndr La grande stele in primo piano nell'ultima foto, spezzata in diversi tronconi e probabilmente mai eretta per l'eccessivo peso e per l'altezza di 33 metri, è considerata il più grande obelisco del mondo. Il cd Obelisco di Axum, che ad Axum è chiamato l'Obelisco di Roma, è il primo in secondo piano senza i supporti di sostegno .


Immagine di copertina di Valeria Crispino


heritocide-in-tigray-region-of-ethiopia-.pdf
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Gesualdo Bufalino e Comiso

Da amanti è il rapporto che lega uno scrittore al suo luogo di nascita. Quello tra Bufalino e Comiso è tra i più appassionati e duraturi: "...dei ventitremila giorni e passa che ho vissuto finorane avrò trascorso in questo luogo almeno ventunmila..."

Fuga in provincia con Tommaso Landolfi

Landolfi è una delle penne più raffinate della letteratura europea del Novecento. Fu perlopiù autore di racconti fantastici, contrassegnati da una pungente vena dissacrante sia nei confronti dei costumi tradizionali italiani che della società di massa

L’anello del vescovo e la battaglia di Campaldino

“Il castello di Poppi gli apparve da lontano, alto sulla piana dell’Arno, sentinella sul fiume e sulla via di Bibbiena". L'11 giugno 1289 l’oste guelfa da Firenze e i ghibellini di Arezzo avrebbero impugnato le armi nella piana di Campaldino

Le spiagge di Omero. L’eterna ispirazione del paesaggio mediterraneo

Se alla chiesetta solitaria si sostituisce un solitario tempietto, è facile immaginare il paesaggio che accoglie Ulisse quando per riposare approda in questo o quel lido, al termine di una dura navigazione durante il lungo ritorno alla sua Itaca

Nostalgia, sogno e libertà

Come disse eloquentemente lo scrittore israeliano Eshkol Nevo: “Casa è un posto in cui puoi tornare se vuoi. E non c’è bisogno di avere più di un posto del genere”.

Una vitale incertezza

Quest’anno al mare ho letto un libro diverso dalle letture che riservo per la settimana di vacanze. L’ho scelto non tanto per il titolo - L’esercizio della filosofia – quanto per il sottotitolo: Per una vitale incertezza. Attualissimo, dunque.
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®