Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Invito al viaggio

13 Settembre 2021
Invito al viaggio
È una questione di identità, di luci, di incontri, di terre e di paesaggi e monti, colli, pianure dove smettere per un momento di passare continuamente accanto a noi stessi, dove ritrovarci fra le tessiture di sogni, delusioni e lotte e speranze.

Là, tout n'est qu'ordre et beauté,
Luxe, calme et volupté’. 
  Charles Baudelaire 

 È una questione di identità, di luci, di incontri, di terre e di paesaggi e monti, colli, pianure dove smettere per un momento di passare continuamente accanto a noi stessi, dove ritrovarci fra le tessiture di sogni, delusioni e lotte e speranze. I Parchi letterari ci restituiscono parti disseminate e disperse delle nostre ricerche personali, di ciò che, stratificato, ci compone. Territori, tempi colmi di volontà, di volti e antichi sguardi, idee e magie che vediamo crescere attorno a noi; paesaggi sognanti, pratici, ribelli e segreti. Il territorio è un paesaggio umano e culturale in cui leggere ciò che ci rende vivi. Sono mondi che ci contengono da sempre, mondi profondi e umani. Nel viaggiare scivoliamo fuori e ci allontaniamo dalle nostre corazze sfuggendo tutto ciò che ci rinchiude in una quotidiana rinuncia alla riflessione, a ciò che ci imbriglia, che ci imbroglia nella percezione di noi facendoci dimenticare la bellezza e l’importanza del cambiamento di prospettiva. È un invito ad una leggera, forte destabilizzazione che nel toglierci dai nostri equilibri ci stordisce per farci rinunciare per un momento ai nostri baricentri, alle certezze dei nostri assunti. Una fuga dalla fissità.

 Settembre è il mese di ripresa delle attività e anche il momento per fare miglior tesoro di ciò che abbiamo potuto consolidare in questo periodo di stacco e di sospensione. La sospensione è uno stato sordo, l’opposto di quello di un viaggio, anche se un viaggio interiore è spesso foriero di inaspettate ripartenze, di ritrovate, rinnovate forze. Nella stasi non si avverte quasi il dolore, si resta anestetizzati e inattivi, come se un grosso peso gravasse sulla nostra testa e sul nostro corpo. Il pensiero tuttavia lavora in questo vuoto. La parola ‘vacanza’ è vicina al concetto di vuoto. Vuoto costruttivo. Dopotutto, il tempo in cui si decide dove andare e chi avere accanto è tempo prezioso, non è tempo costretto. Oggi diamo per scontata la possibilità di spostarci da un paese all’altro, ma appena qualche secolo fa i viaggiatori erano considerati dei visionari, Marco Polo, Magellano, Cristoforo Colombo. Senza le loro intuizioni tutto sarebbe stato diverso. Basta poi leggere Tiziano Terzani e Bruce Chatwin, per citare alcuni scrittori che del viaggio hanno fatto un motivo di vita regalandoci le loro parole, le loro immagini e i resoconti delle loro esperienze.

 A Roma esiste una bellissima libreria dedicata al viaggio. Il viaggio può essere anche inteso come spostamento a corto raggio, per raggiungere posti insoliti che non abbiamo mai visitato, e conoscere oltre ai luoghi e i paesaggi anche le popolazioni dei luoghi.
 L’Italia è un prisma, con luoghi di ogni natura, diversi l’uno dall’altro, ed è spesso in questi angoli minuti, più raccolti rispetto alle zone urbanizzate che nascono scoperte e innamoramenti.

 Questo è un invito al viaggio, come il titolo di una poesia di Charles Baudelaire. Un invito ad allargare i nostri percorsi mentali, anche quando non immagineremmo mai di incontrare qualcosa di nuovo. Qualcosa di nuovo c’è sempre perché nessuna esperienza può essere uguale a sé. “E non c’è niente di più bello dell’istante che precede il viaggio, l’istante in cui l’orizzonte del domani viene a renderci visita e a raccontarci le sue promesse”. Milan Kundera


Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari

Immagini di Ginevra Sanfelice lilli


Le poesie e l'arte di Ginevra Sanfelice Lilli on line
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Gesualdo Bufalino e Comiso

Da amanti è il rapporto che lega uno scrittore al suo luogo di nascita. Quello tra Bufalino e Comiso è tra i più appassionati e duraturi: "...dei ventitremila giorni e passa che ho vissuto finorane avrò trascorso in questo luogo almeno ventunmila..."

Fuga in provincia con Tommaso Landolfi

Landolfi è una delle penne più raffinate della letteratura europea del Novecento. Fu perlopiù autore di racconti fantastici, contrassegnati da una pungente vena dissacrante sia nei confronti dei costumi tradizionali italiani che della società di massa

Nostalgia, sogno e libertà

Come disse eloquentemente lo scrittore israeliano Eshkol Nevo: “Casa è un posto in cui puoi tornare se vuoi. E non c’è bisogno di avere più di un posto del genere”.

Letteratura, viaggio ed escamotage ai tempi del digitale.

In un mondo rimpicciolito e omologato, in cui macchine e computer ci consentono di solcare immense porzioni di spaziotempo, la letteratura indica un territorio sconosciuto e sconfinato, regioni straniere che coincidono col dominio dell’invisibile

Settembre, andiamo

Settembre è malinconia, è tempo di tirare le somme dell’estate appena trascorsa; settembre è riorganizzazione, ritorno nella routine, settembre è tempo di migrare, tornare, sospirare.

Campana. L'emigrante, il poeta, il folle

"Quando tornai a Marradi mi deridevano, mi arrabbiai e divenni nevrastenico. Poi cominciai a viaggiare; sissignore, viaggiavo molto. Ero spinto da una specie di vagabondaggio. Una specie di instabilità mi spingeva a cambiare continuamente".
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®