Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

L'amore al tempo degli etruschi

26 Novembre 2021
L'amore al tempo degli etruschi
Parlare d'amore ai nostri tempi è abbastanza complicato. Guardando i due Coniugi del sarcofago di Volterra dai tratti crudamente realistici di due persone invecchiate insieme, non si può fare a meno di immaginare che avessero trascorso una vita felice

Parlare d'amore ai nostri tempi è abbastanza complicato. Guardando i due Coniugi del sarcofago di Volterra dai tratti crudamente realistici, non belli, di due persone invecchiate insieme, non si può fare a meno di immaginare che il defunto e la moglie sdraiati sul letto conviviale avessero trascorso una felice vita l'uno accanto all'altra. Sappiamo che gli etruschi influenzarono profondamente la civiltà romana ed ebbero anche intensi rapporti politici, commerciali e culturali con le città greche. Seppero tuttavia conservare una propria visione del mondo e delle cose; soprattutto l'arte etrusca fu improntata al fine religioso del culto dei defunti. Il fine ambizioso era forse quello di procurarsi l'ammirazione dei posteri, di consacrare la loro memoria consegnandola all'immortalità. Attraverso il silenzio dei secoli è arrivato a noi nell'anonimato questo sarcofago che racconta una storia di amore coniugale.

 L'amore è il tema di fondo dell'esistenza che ha ispirato poeti, drammaturghi, artisti in opere immortali. La tomba a Verona di Giulietta e Romeo, i versi di Dante nell' "Inferno" che rivelano la passione di Paolo e Francesca, le ardenti lettere di Eloisa e Abelardo sono esempi indimenticabili, parte dell'immaginario collettivo di amore autentico.

 Nella realtà quotidiana ancora oggi, dove tutto è messo in discussione, c'è il bisogno dell'uomo di superare l'isolamento, i confini della propria solitudine nell'unione di due esseri. Inutile dire che nella maggioranza dei casi l'istinto che spinge alla riproduzione della specie pare una follia. Milioni di persone si differenziano tra loro per scopi, azioni e rapporti. L'amore quindi è un termine che comprende molteplici contraddizioni cosicché sovente si può parlare di coppia, ma non per l'appunto di amore.

 Realizzare l'amore nella sua pienezza e totalità è un'ardua impresa. Richiede dedizione, pazienza, autodisciplina e coraggio, ma se lo si raggiunge si possiede una forza in grado di rovesciare il mondo. Vivere insieme diventa allora la più grande avventura che la vita possa offrire. Per Karen Blixen l'amore era parlare con l'amato di quello di cui si era parlato il giorno prima. L'abitudine non come noia, ma forza vitale.

 Anche il mondo romano avaro di storie private ha sintetizzato in poche parole quanto mai incisive il significato dell'unione di vita che il matrimonio consacra. "Ubi tu Gaius, ego Gaia" diceva la sposa vestita di rosso al momento delle nozze. Presso i romani la "domina" era colei che affiancava il marito senza essere relegata a un ruolo di secondo piano. Provvedeva all'educazione dei figli. Non era tenuta in disparte come ci dicono tante lapidi firmate da mani sconosciute giunte a noi. Basti ricordare un piccolo libro scritto anni fa da Livia Sereni Mazzolani , Una moglie (Sellerio), dove balza più vivo che mai l'elogio funebre dedicato dal marito alla sua compagna malgrado siano trascorsi più di venti secoli. Si chiamava Turia e morì alla fine del primo secolo avanti Cristo. L'uomo esalta il suo eroismo durante le guerre civili, le sue virtù domestiche, la religione immune da fanatismo, l'arrendevolezza e la sobrietà nel vestire. Non poteva avere figli, ma malgrado che all'epoca fosse permesso dalla legge ripudiare o divorziare dalla moglie sterile, l'uomo con eccezionale gesto cavalleresco si rifiutò di farlo. Anzi alla sua morte espresse gratitudine e amore alla donna della sua vita eternandone il ricordo. Lasciò infatti scritto: "gli elogi mi serviranno a testimoniare fino a qual punto piango colei che, nel consacrarne la memoria, ho consegnato all'immortalità...". Concetto questo tanto più significativo e ancora oggi valido, che implicitamente riguarda anche il marito per aver saputo ispirare un attaccamento totale come quello e meritarlo.

 Un filo nascosto ci riporta dunque al sarcofago etrusco. Basta guardarlo per immaginare gli anni trascorsi insieme dai due sposi fino alla vecchiaia, le dure prove superate riflesse sulle rughe e la serietà del loro volto, l'eccezionalità della loro sorte. E la donna è accanto al marito nella piena consapevolezza di un destino comune. 

 Paola Benadusi Marzocca

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari


Immagine:
 Museo Guarnacci, Urna degli sposi, I sec. aC.
Di I, Sailko, CC BY 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5320415



Visita il Museo Guarnacci di Volterra
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Heritocide nella regione del Tigray in Etiopia

Quali danni ha subito il Patrimonio Culturale del Tigray, in Etiopia, a causa della guerra che dal 4 novembre ha visto opporsi gli eserciti Etiope ed Eritreo nel Tigray?

Le spiagge di Omero. L’eterna ispirazione del paesaggio mediterraneo

Se alla chiesetta solitaria si sostituisce un solitario tempietto, è facile immaginare il paesaggio che accoglie Ulisse quando per riposare approda in questo o quel lido, al termine di una dura navigazione durante il lungo ritorno alla sua Itaca

Gerusalemme, tra mito e realtà

Ci sono luoghi e luoghi come ci sono città e città. Gerusalemme è stata e continua a essere un posto pieno di ardore e di fascino ed è una tappa obbligata per chiunque abbia interesse per la storia e la cultura e naturalmente per la religione.

Viaggi Interstellari

Se il racconto del viaggio è l’essenza del viaggio stesso, quando scrutiamo il cielo, è come se viaggiassimo tramite l’ascolto di racconti cosmici da cui apprendiamo l’esistenza di mondi lontani e sconosciuti.

Riflessioni casuali alla vigilia della Giornata mondiale del libro

Strano stabilire un giorno, allo stesso modo di una festa nazionale o religiosa, per celebrare i libri. Oh mamma mia ho pensato, come se l'amore e il rispetto per i libri potessero essere esaltati solo durante un giorno solare!

I Parchi letterari nei multi-versi del linguaggio algoritmico

Entravamo e uscivamo dallo schermo. Ad un certo punto non abbiamo trovato più l’uscita, siamo rimasti imprigionati all’interno di un mondo–immagine, riflesso nelle mappe di Google Earth, dei servizi online di banche, sanità, e ora della scuola
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®