Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo
Torna indietro

Alberta Piroci  Branciaroli

Laureata in Lettere e Filosofia con indirizzo in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Firenze, specializzazione post Laurea in Arte medievale e moderna presso la stessa Università, docente di Lettere presso gli Istituti Secondari di primo grado, ha collaborato con la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Arezzo per la catalogazione dei beni mobili del territorio provinciale. 

Direttore scentifico del Parco Letterario Emma Perodi e le Foreste casentinesi, vive e lavora in Casentino, vallata che con la sua storia, le sue tradizioni e leggende, con i suoi conventi , castelli e abbazie, ritorna spesso nei suoi scritti accomunati da ricerche storiche e piacevole narrazione. 

Convinta che la chiave di lettura privilegiata di un territorio passi attraverso la conoscenza del patrimonio storico-artistico, ha fatto di questo, da sempre il punto focale del suo lavoro di scrittrice e ricercatrice. Tra i numerosi saggi e pubblicazioni sono da segnalare per la Edimond Editrice: La città immaginata; Camaldoli. Il monastero,l’eremo e la foresta; La Verna. Guida al sacro monte. Per Aska Editrice ha curato: Valtiberina. Un itinerario di colori e di luce; Casentino. Terra di santi e cavalieri; La valle dei racconti. In Casentino con Emma Perodi. Risale al 2018 la cura del catalogo della Mostra ”Nel segno di Leonardo. La Tavola Doria dagli Uffizi al Castello di Poppi.

Articoli Alberta Piroci Branciaroli

Pinocchio di Madè. Un naso lungo … Centoquaranta anni!

Ci sono libri che hanno la capacità di superare il tempo e riproporsi, con contenuti sempre attuali, alla sensibilità di diverse generazioni di lettori: il Pinocchio di Collodi è sicuramente uno di questi.

Novembre nei mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale della Pieve di Arezzo. Il personaggio del mese di novembre è presentato nell’atto di sradicare con forza rossastre rape

Ottobre nei mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale della Pieve di Arezzo. Un uomo barbuto, con mantello e calzari semina il grano a spagli

Agosto e settembre nei mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale della Pieve di Arezzo. Il giovane contadino in agosto prepara la botte e in settembre è intento a vendemmiare.

Vini in Casentino. Tini, bigonci e botti

Nella valle del Casentino che ha ispirato Emma Perodi per il suo capolavoro, in passato la viticoltura era molto diffusa. Già Lorenzo il Magnifico ne esaltava la qualità e ne inviava come dono prezioso alla corte pontificia

Luglio nei Mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale maggiore della pieve di Santa Maria Assunta in Arezzo. Luglio, in continuità con quello di giugno, è rappresentato da un giovane contadino ed è dedicato alle messi e al grano.

Giugno nei Mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale maggiore della pieve di Santa Maria Assunta in Arezzo. Giugno è rappresentato da un giovane mietitore che indossa una corta tunica da lavoro, fermata in vita da una cintura di colore scuro...

Maggio nei Mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale maggiore della pieve di Santa Maria Assunta in Arezzo. Maggio è rappresentato da un giovane cavaliere che reca in testa una corona di rose, fiore tipico del mese di cui è la personificazione

Aprile nei Mesi della Pieve di Arezzo

Continuano gli appuntamenti con il ciclo dei mesi del portale maggiore della pieve di Santa Maria Assunta in Arezzo. Aprile è rappresentato da un giovane festosamente abbigliato per l'arrivo della Primavera e sembra recare in mano un tartufo...

Pippo Madè e la Divina Commedia disegnata

Il 27 Aprile si celebra la Giornata mondiale del disegno per sottolinearne il valore comunicativo. Nel settecentesimo anniversario della morte di Dante presentiamo la Divina Commedia disegnata dal Maestro Pippo Madè, uno dei massimi artisti contemporanei

Il mese di Marzo

Hic est Martius nella Pieve di Arezzo, dove Marzo è un suonatore di corno: un personaggio allegorico con i capelli spettinati e arruffati che soffia nel corno simbolo del vento e dei temporali tipicamente primaverili. Di Alberta Piroci Branciaroli

Giuditta Celli: in Antartide con Emma Perodi

Giuditta Celli racconta la sua esperienza come ricercatrice in Antartide. Ci parla dei cambiamenti climatici, del Casentino e di Emma Perodi. di Alberta Piroci Branciaroli

Il messaggio di speranza della Perodi nell'opera di Anna Cionini

La sorte di Biancospina, una delle novelle di Emma Perodi, ha ispirato l'opera della pittrice Anna Cionini. Di Alberta Piroci Branciaroli

L'impegno di Emma Perodi per il riscatto socio-culturale delle donne

La Perodi è stata una proto-femminista, una donna controcorrente, eclettica, poliedrica con le idee molto chiare sui diritti di cui dovrebbero godere le donne. Di Alberta Piroci Branciaroli

Il Mese di Febbraio

Nel ciclo aretino della pieve di Santa Maria Assunta il tema di Febbraio è dedicato ai lavori manuali artigianali. Di Alberta Piroci

10 Febbraio: Giornata mondiale dei legumi

Il 10 febbraio è la Giornata mondiale dei legumi. La scelta dell'Onu è quella di dirigere gli sguardi del mondo verso questi semi pregiati e sui loro vantaggi. Di Alberta Branciaroli Piroci

Casentino: terra di dantesca memoria

Il forte legame di Dante con il Casentino non è sfuggito a Emma Perodi che nelle sue novelle ha ricordato il grande poeta. Alberta Piroci Branciarolo ci porta in viaggio dalla sorgente dell’Arno all’Archian Rubesto

Gennaio nei Mesi della Pieve ad Arezzo

Il ciclo dei mesi del portale maggiore della pieve di Santa Maria Assunta in Arezzo ci accompagnerà mese dopo mese, per tutto il 2021. di Alberta Piroci Branciaroli

La coltivazione dell’abete di Natale in Casentino. L'albero nella letteratura e nell’arte

In Casentino ben 150 ettari di terreno sono destinati all’attività vivaistica dell’albero di Natale. Una tradizione senza confini da Goethe a Dickens, dalla Perodi ad A. Dumas, da Elliot a Dino Buzzati. Di Alberta Piroci

Natale in Casentino con i dolci tipici della tradizione: Panforte e Panpepato

ll Panforte risulta essere quello più conosciuto ed apprezzato e sarebbe il discendente diretto del primo manufatto di dolceria, detto “pan mielato”. di Alberta Piroci Branciaroli

L'arte di Roberta Kali Agostini. Di Alberta Piroci

"Dagli alberi delle Foreste Casentinesi alle figure femminili antropomorfe metafore della condizione umana". Roberta Kali Agostini e il Prof. Bill Dodd nel Parco Letterario Emma Perodi
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®