Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Ricetta segreta per viaggiare nel XXI secolo

20 Maggio 2021
Ricetta segreta per viaggiare nel XXI secolo
Viaggiare può significare lasciarsi cullare dai racconti autentici di streghe e fattucchiere testimoniati da ricordi di infanzia; contatti ed esperienze vissute tra i briganti, custodi severi di oscure grotte allineate lungo le sponde di fiumi mitologici

Volando all’interno dei suggestivi Parchi letterari Italiani ed accostandosi in punta di piedi alle microscopiche realtà urbane della nostra penisola, non risulta difficile ripercorrere i riti, le usanze, le antiche tradizioni di una vita difficile ed ingenua trascorsa tra le mura domestiche e la campagna, consumatasi in sordina fino a pochi anni orsono.

Sedetevi sulle panchine scrostate del Corso. Vi sentirete osservati da mille occhi indiscreti. Quei cinquecento abitanti vorrebbero sapere tutto di voi forestieri. Da dove venite, chi siete, cosa ci fate lì su quella panchina. 

E’ facile entrare in sintonia e, con sapiente umiltà, porsi all’ascolto.
Prendete il vostro tempo, dimenticate la fretta. L’ora non si guarda sull’orologio, ma sul campanile della Chiesa madre.

Ecco sorgere nuovi interessi, assolutamente imprevedibili, che non vi faranno pentire delle vostre scelte.
E’ una ricetta segreta che non costa nulla ma che riempie il vostro cuore più di ogni esuberante programma di agenzia. 

Dalle interviste agli uomini e alle donne emerge un quadro di assoluto interesse antropologico all’interno del quale si nota come ogni azione, ogni programma, ogni aspettativa fosse legata ai ritmi delle stagioni e ancor di più alle frequenti ricorrenze religiose. 

Il tempo non appariva scandito dall’orologio, ma dalle consuetudini tramandate dai padri e dagli insegnamenti sussurrati dalle madri.
La nascita di un figlio maschio portava braccia di lavoro nei campi; quella di una figlia femmina stravolgeva i progetti della famiglia e costringeva le madri ad organizzare da subito i lunghi e costosi preparativi per il corredo. 

Nelle viscere più remote di un meridione sconosciuto, emergono testimonianze disarmanti sui rapporti quasi sacri che univano Compari e Comari, sull’organizzazione di una famiglia numerosa all’interno di una piccola casa, sui pudori e le promiscuità che da tali convivenze necessariamente scaturivano. 

La semplicità con la quale si consacravano alla Madonna i piccoli nati, abbigliandoli con vesti sacre e fiori di campo; le incredibili certezze con le quali i genitori portavano dal guaritore i figli colpiti dal “male dell’arco” che i medici di oggi chiamano “itterizia”, ed infine la paura delle ombre notturne che evocavano creature fantasmiche e lupi mannari,  possono coinvolgere il viaggiatore distratto ed immergerlo nell’autenticità di una realtà non artefatta né mistificata.

 

Il viaggio consapevole e partecipato si allontana dagli stereotipi artificiali e porta alla conoscenza del visitatore, del curioso, dello studioso, una vastissima raccolta di testimonianze autentiche catturabili dagli incontri, dai dialoghi, dai ricordi e dai racconti di eventi svoltisi appena ieri, in epoca contemporanea, che serbano ancora intatto il fascino della sorpresa, della magia e soprattutto di una sana e disarmante ingenuità. 

Viaggiare allora può significare lasciarsi cullare dai racconti autentici di streghe e fattucchiere testimoniati da ricordi di infanzia; contatti ed esperienze vissute tra i briganti, custodi severi di oscure grotte allineate lungo le sponde di fiumi mitologici.

All’interno dei piccoli borghi che vi accoglieranno con sorprendente ospitalità, ecco i brevi squarci di una esistenza che si svolgeva in incognita, in terre sconosciute al resto dell’Italia ed ecco la riscoperta, quasi d’incanto, dei temi della Medicina Popolare che guariva tutto con le piante, gli incantesimi e gli esorcismi. 

Ascoltate le testimonianze autentiche di coloro che trascorrevano le notti nella costante paura dei “Bumbonari”, dei fantasmi, dei lupi mannari. Lasciatevi trasportare dalla genuinità dei racconti delle donne sui temi della Cultura Domestica. Lasciatevi commuovere dagli occhi lucidi degli uomini e delle donne che, nonostante gli stenti e le fatiche cui furono sottoposti, amano ricordare con orgoglio la scansione della loro vita accettata con serena rassegnazione. 

Non fa male commuoversi nell’ascolto del racconto della comare che ricorda come tutta la famiglia alle quattro del mattino si recava nei campi a lavorare, creature comprese.
E quando, con molta discrezione, chiederete notizie più precise circa le creature (i piccinelli), la risposta che riceverete sarà quasi ovvia per esse; le creature si portavano nei cestini e, una volta raggiunti i campi, si appendevano ai rami degli alberi. Il vento le avrebbe cullate per l’intera giornata. 

Il viaggiatore originale approfondisce i temi affascinanti legati alla Religiosità popolare e, senza alcuna difficoltà, scopre la immensa ed onnipresente devozione alla Madonna ed al Santo Patrono per onore dei quali si osava anche rubare le rose al cimitero per adornarne le statue. Sempre con il consenso del prete. 

Non sarà difficile ottenere un’invasione di capre e di pecore in libertà nei vicoli dei centri storici, impaurite da orride e rumorose scorribande di giullari improvvisati e mascherati accompagnati da balli e tamburi tratti dai repertori delle musiche popolari. Sarà sufficiente chiederlo e i Sindaci rilasceranno le autorizzazioni. 

Accostatevi con devozione ai banchi chiassosi dei prodotti tipici preparati e cucinati secondo tradizioni intramontabili. Sulle confezioni non troverete l’etichetta con l’elenco stampato delle caratteristiche organolettiche, ma il vostro gusto non avvertirà l’esigenza di essere pianificato. 

Il viaggiatore attento potrà così sollevare per una volta, almeno per una sola volta, il sudario tecnologico che riveste il paese e che forse lo ha proiettato all’avanguardia inserendolo nei grandi circuiti turistici e culturali. Un velo, però, al di sotto del quale si conservano intatti i profumi, i colori, i racconti di quanti furono protagonisti del nostro territorio. Apparirà così un’imprevedibile ricchezza antropologica degna di essere riscoperta, ascoltata e ancora interpretata. 

La ricetta segreta consiste nella disponibilità del viaggiatore ad abbandonarsi ad una sana curiosità. Potrà scoprire quadri nascosti di storia recente che il tempo troppo velocemente ha cancellato e che meritano di essere ancora esplorati per arricchire il patrimonio delle nostre conoscenze.


Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari

Fotografie di Lodovico Alessandri: http://www.lodovicoalessandri.it/



Carlo Levi
Scopri il parco

Carlo Levi

Aliano (Mt)

Sono arrivato a Gagliano un pomeriggio di agosto, portato in una piccola automobile sgangherata. Avevo le mani impedite, ed ero accompagnato da due robusti rappresentanti dello Stato, dalle bande rosse ai pantoloni e dalle facce inespressive. ...

dal Cristo si è Fermato ad Eboli

TI AMO DI VIVEVE Gocce di Lucania di Lodovico Alessandri, ed Giuseppe Laterza, 2021
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Pellegrini, viandanti e viaggiatori a Monte Mario

Mons gaudii, monte della gioia, esclamavano i pellegrini in cammino sulla via Francigena quando arrivavano in cima al Monte e scorgevano la basilica di San Pietro. Monte Mario fu anche cammino privilegiato di scrittori, botanici e musicisti

Paesaggi sublimi nella fiaba. Le foreste tra smarrimento e stupore

Il contatto con la natura e la sua forza benefica e primordiale, spesso provoca un cambiamento che si colora di stupore, che consente di sconfiggere il terrore atavico originariamente provato nell’isolamento del bosco.

Leonardo, la mandragora e la foglia di salvia

Leonardo ha legato anche il suo nome ad un’attentissima osservazione della Natura. Non deve quindi stupire se numerose delle sue annotazioni raccolte nel “Trattato della Pittura”, riguardino anche il capitolo “Degli alberi e verdure”

Percorso per dar vita al Parco Letterario Benedetto Croce

Benedetto Croce e l’Abruzzo. Un legame forte che passa attraverso tre Comuni, inseriti tutti e tre in aree protette.

Il Casentino prima del Casentino: la storia antica della valle.Il Museo Archeologico Piero Albertoni

Il Casentino è per antonomasia terra di pievi e castelli. Esiste però anche un Casentino che non si vede, che rimanda a una storia molto più antica e che affonda le proprie radici agli albori della prima valle dell’Arno: il Casentino archeologico.

Scala dei Turchi. Un libro ancora non scritto

Per capire la Scala dei Turchi bisognerebbe magari aver letto qualcosa, per esempio un libro di Camilleri, di Pirandello o di Sciascia, gli scrittori nati qui, insomma e che di questi luoghi parlano.
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®