Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in Cammino

Giornata della Poesia in Parte d'Ispi: Erminio Cara

21 Marzo 2024
Giornata della Poesia in Parte d'Ispi: Erminio Cara
Paesaggio, acqua, tramonti, inferno, meraviglia e il cammino degli uomini nell'opera poetica di Erminio Cara

In questa giornata vorrei condividere con gli amici dei Parchi Letterari tre poesie del mio compianto concittadino e poeta Erminio Cara, dal titolo “Terra” - “Terra Nostra 1°” e “Terra Nostra 2°” .

Non sono in grado di dire se Erminio si sia ispirato ai luoghi della sua lunga permanenza a Guspini, ricca di storie e suggestioni che ancora si mantengono, parte integranti dell'ampio scenario storico, culturale ed ambientale, tanto caro a Giuseppe Dessì, in quell'angolo di Sardegna che lui amava chiamare “Parte d'Ispi”.

Immagino Erminio di buon mattino, col suo fare gentile ed ossequioso salutare le persone che incontrava, attraversare il centro storico, verso ponente, per raggiungere ed imboccare “Su mori de Luciferu”, il sentiero del Diavolo, e fermarsi a mezza costa, dopo aver superato “Rio Mengas”, il rio degli aironi, a contemplare l'alba. Seduto fra i massi granitici, che costeggiano il pauroso sentiero di fronte al vasto panorama della pianura del Campidano, spaziare con lo sguardo sino alle cime del Gennargentu. In questa mistica solitudine, farsi avvolgere e perdersi fra i caldi e dorati raggi solari, per proseguire poi, colmo di magia, verso “Sa Mitza de Luciferu”, la sorgente del Diavolo. Attingervi l'acqua salubre, da tutti considerata acqua “benedetta”, in particolare raccolta per somministrarla ai malati. “Su mori del Luciferu” è un antico percorso che i guspinesi usavano per giungere al passo “Genna Frongia” ed unirsi al vicino abitato di Arbus.

In questa tavolozza paesaggistica vi sono l'insieme dei componenti che potrebbero aver ispirato  le tre poesie: paesaggio, acqua, tramonti, inferno, meraviglia e il cammino degli uomini. Erminio conosceva bene le storie fantastiche e di paura che quel sentiero ancora custodisce, da attento ed amorevole insegnate elementare non poteva non averle trasmesse ai suoi amati alunni.

Il sentiero era anche il percorso dei minatori che lavoravano nei cantieri di Ingurtosu, nel territorio di Arbus, lo imboccavano solitamente la domenica al tramonto, accompagnati dal flebile lume delle acetilene, che appariva e scompariva tra la vegetazione, per essere alle sette del mattino in cantiere, ora di ingresso al lavoro. Questo rito diede modo alla nostra comunità di scrivere e narrare storie, come quella che ci ricorda il Bottiglioni in "Leggende e tradizioni in Sardegna" del 1903:

 Il lampioncino di Lucifero di monte

 Lì nella scorciatoia che da Guspini va al paese di Arbus, vi ha una sorgente d’acqua fine che sana persino ammalati. Ma non a tutte le ore ci si può andare. Appena che il sole si getta alle spalle del monte, anima battezzata non passa di lì. In quel luogo maledetto, esce ogni sera un prete senza testa in compagnia del sagrestano e porta un lampioncino rosso. Molti hanno visto ciò che io dico e qualche compare – e mi scenda gotta [mi venga malanno] se non dico giusto! – hanno avuto spaventi grandi. In antico dicono che questo prete mistificava gli stupidi facendo mali fatti e guadagnava molto denaro e lo sotterrava accanto alla sorgente. Ma la brocca cala nel pozzo finché si spezza! Il prete l’hanno decapitato e adesso esce ogni notte a custodire il tesoro. Per ciò nessuno dopo che è calato il sole passa nella sorgente, nemmeno col pensiero.

 

Le poesie di Erminio, dove ritrovo tanto dei luoghi che anch'io ho frequentato spensieratamente in gioventù:

TERRA

Sono paesaggio
morbido e duro
voglioso d'acqua limpida
di fuoco e di tempesta.
Il mutamento
é solo umana angustia
rimescolanza fluida
di forme e di tensioni.
Ho voce di alba e di tramonti,
tendi l'orecchio,
ascolta.
Nell'universo immenso,
del tuo piccolo piede, meraviglio. 

TERRA NOSTRA I

Il tuo soffio vitale
inebria il mio mattino. 
Ogni risveglio é dono
magia di vita
pensiero inafferrabile del tutto. 
Distesa
assolata di luce
vellutata d'ombre
tutta ti abbraccia di tenerezza il mare. 
Palpabile sostanza
rinnovi albe e tramonti
nell'opulenza del magico universo. 
Immergo le mie mani
per ritrovar l'impasto primigenio,
essere uomo tra gli uomini in cammino. 

TERRA NOSTRA 2°

Tristezza e pianto
nel penoso frugare a mani nude
la tua dura crosta, il morbido tuo manto. 
Una arroganza malvagia
affossa in te
l'armonìa straziata dei corpi senza vita. 
Carnaio orripilante
l'olocausto. 
Non trova pace questa nostra terra,
frantumata corrosa appestata
dalla furia del sangue. 
L'esecrazione
subdola
ne rinnova la pena.

 Tarcisio Agus

Immagini di Clemente Muntoni:

L'alba
Guspini e il Passo

Giuseppe Dessì
Scopri il parco

Giuseppe Dessì

Villacidro (Su)

Su iniziativa del Parco geominerario storico e ambientale della Sardegna , la Fondazione Giuseppe Dessì, i comuni di Villacidro, Arbus, Buggerru, Fluminimaggiore, Guspini, San Gavino, Gonnosfanadiga

Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Blues di un molisano errante: Nicola Donatelli

Dedicato a Nicola Donatelli il quarto appuntamento di Tutte le stelle del Parco, la rubrica del M° Lino Rufo sui grandi personaggi che hanno conferito gloria e risonanza al territorio molisano in cui gravita il Parco Letterario Francesco Jovine

La casa della famiglia di Virgilio, luogo di natura e di ispirazione poetica

In attesa dell’imminente inaugurazione del Parco Museo Virgilio al Forte di Pietole, può risultare interessante fare un approfondimento sul luogo che ha dato i natali al grande poeta latino

Mazzarino, l'abruzzese che possedeva le redini di Francia e il cuore di Anna d'Austria

Originario di Pescina (Aq), piccolo borgo nel cuore dell’Abruzzo, il cardinale Giulio Raimondo Mazzarino riuscì a scalare le vette del potere politico del Seicento europeo diventando il personaggio più influente e controverso del suo tempo.

La poesia e la letteratura non morranno

La storia ci mostra che anche negli inverni più lunghi e più gelidi, quando pare essersi ibernato, il cuore degli uomini è pur sempre palpitante di vita ed è pronto ad accogliere e a coltivare la poesia, l’arte, il pensiero filosofico

Il bosco di Camaldoli tra sacralità e incanto

Per un pittore non vi ha forse luogo in Toscana così acconcio ed opportuno quanto Camaldoli per ritrar la natura dal vero. Abate Francesco Fontani (1748-1818)

Le Madonie di una straordinaria viaggiatrice francese. La Dame de l’Argonaute.

Jeannette Villepreux Power, scopritrice delle Madonie, ha saputo abbinare l’amore per la scienza a quello per la storia, l’arte, la letteratura e la lingua grazie al soggiorno in Sicilia.*
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®