Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Pasolini, il calcio, il calzolaio e le puntarelle

13 Gennaio 2021
Pasolini, il calcio, il calzolaio e le puntarelle
Alessandro Polinori ci racconta attraverso la memoria di alcuni amici di Pier Paolo e del Parco Letterario a lui dedicato, aneddoti originali, vissuti in prima persona.

di Alessandro Polinori

Della passione di Pier Paolo Pasolini per il calcio hanno trattato in molti, attraverso articoli, servizi televisivi, persino libri. Per questa ragione, quando mi è stato chiesto di offrire un contributo sul tema, ho preferito evitare di riferirmi a quanto già raccontato, cercando piuttosto di trovare, attraverso la memoria di alcuni amici di Pier Paolo e del Parco Letterario a lui dedicato, aneddoti originali, vissuti in prima persona. 

Le prime testimonianze che ho raccolto provengono, telefonicamente, da Monteverde, il quartiere romano in cui Pasolini abitò dal 1954 al 1963, dove a raccontarmi di Pasolini ed il calcio è l’amico ed artista Silvio Parrello (“er pecetto”), che incontrò, tra l'altro, Pier Paolo proprio sul campetto di calcio di Donna Olimpia.
Silvio racconta di un Pasolini grande appassionato di calcio, tanto giocato, quanto da vedere. Nella prima veste non perdeva mai l'opportunità di praticarlo, al punto da decidere, in un’occasione, di tornare appositamente dalla Russia per prendere parte ad una partita in quel di Anzio. Il calcio per lui era motivo di felicità, ma non voleva mai uscire sconfitto dal campo di gioco, così come rimaneva davvero male quando a perdere era la sua squadra del cuore, il Bologna.

Silvio mi racconta aneddoti legati alle partite giocate nel suo quartiere, come la necessaria attesa dell'uscita da scuola di “Cippichino” (uno dei pochi a possedere in zona un pallone) ed ancora, in una giornata particolare, mentre si stavano reclutando i giocatori per la partita, quando Pasolini andò a chiamare a casa Santinelli.
Alla sua risposta di essere impegnato a fare i compiti per la scuola, la replica di Pasolini fu decisa: “vieni a giocare, i compiti te li faccio dopo io”!

Un calcio d'altri tempi, una vita di borgata, che consentiva di far nascere amicizie importanti, in tanti modi.
Durante una partita Pasolini colpì male il pallone, calciando il terreno e rovinando una delle scarpe che indossava. Per aggiustarla gli venne consigliato di recarsi da Sor Peppino, un calzolaio di zona. In attesa di vedere la sua scarpa riparata, Pasolini e Sor Peppino cominciarono a parlare. Fu in quel momento che Pasolini scoprì che quel calzolaio aveva trascorso un periodo di confino politico a Ventotene, in compagnia di Sandro Pertini.
Da quell'incontro nacque una bellissima amicizia tra i due, tra Pier Paolo e Sor Peppino, padre di Silvio Parrello.

Lasciamo virtualmente Monteverde per incontrare, questa volta di persona, un altro caro amico, l'artista Mario Rosati, autore, tra le altre cose, del monumento e del giardino letterario dedicati a Pasolini e cuore del Parco Letterario.
Incontro Mario nella sua bella e luminosa abitazione/studio al centro di Ostia, ricca di meravigliose opere d’arte. Sono stato tante volte qui, ma ogni volta è una splendida emozione.

Mario, come Silvio, ha avuto l'opportunità di conoscere Pasolini quando, ancora ragazzo “di vita”, lo incontrava, tra l'altro, in occasione di varie partite di calcio presso il campo sportivo “San Galli” di Torpignattara, durante le quali, mi racconta Mario, Pasolini dimostrava discrete doti di calciatore nel ruolo di ala.
Mario mi mostra alcune foto dell'epoca, in bianco e nero, talune un pò sbiadite e mi descrive con precisione le caratteristiche dei diversi calciatori. Sono i ragazzi con cui Pasolini aveva in comune la passione per questo straordinario sport, condividendo con loro momenti intrisi di umanità.

Mario sta preparando per cena le puntarelle. Mi fa vedere come le pulisce, anche in questo è un artista, trasformandole in quelle che chiama margherite. Poi prende un sacchetto e me ne dà due belle manciate da portare a casa. Un gesto che mi riporta a tempi passati. Sincero e spontaneo come quelle partite che tanto amava Pier Paolo.

Foto di copertina per gentile concessione di Mario Rosati. Pier Paolo Pasolini mentre gioca a calcio al “San Galli” di Torpignattara

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari


Pier Paolo Pasolini
Scopri il parco

Pier Paolo Pasolini

Ostia (Roma)

“Che, se n’annamo a Ostia? Fece il Riccetto, “oggi sto ingranato”.
“Eh” fece spostando su e giù tutti gli ossacci della sua faccia Alvaro.
“C’avrai dupiotte, c’avrai...”
Pier Paolo Pasolini, Ragazzi di Vita

Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Letteratura, viaggio ed escamotage ai tempi del digitale.

In un mondo rimpicciolito e omologato, in cui macchine e computer ci consentono di solcare immense porzioni di spaziotempo, la letteratura indica un territorio sconosciuto e sconfinato, regioni straniere che coincidono col dominio dell’invisibile

“I’ son Beatrice che ti faccio andare”: fede e ragione in un verso del Canto II dell’Inferno

Ormai vicino alla porta degli inferi, Dante esprime a Virgilio i suoi dubbi circa la possibilità di mantenere l’impegno di seguirlo nel difficile itinerario di rinnovamento spirituale che lo condurrà fino alla "!ianua coeli".

Un mistero mai svelato, un libro introvabile, un amore travolgente. E’ la storia di Dino Campana

Dino Campana è il poeta di un solo libro che nessuno voleva pubblicare. Emilio Cecchi fu uno dei pochi a parlarne bene insieme a Soffici, il quale fece scoprire i Canti a Sibilla Aleramo. Lei aveva quarant'anni, lui 31.

Alfonso Piccolomini, duca e bandito

Mai come alla fine del ‘500 il fenomeno del banditismo assunse proporzioni così imponenti da contrapporsi al Papato, alla Spagna e al Granducato di Toscana e da divenire strumento di ricatto nella politica internazionale.

Dante in Calabria. “Il luogo delle anime” di Coriolano Martirano

A Dante pensava da “tempi non sospetti” senonché, proprio in quei resti presso Cerenzia e in quei dintorni, ha trovato la chiave che gli dava la possibilità di legare Dante alla Calabria, e quindi di rivolgere la sua ricerca in quella direzione.

Dante a Parigi

Il tema di Dante a Parigi è controverso e attraversa i secoli. Lola Poggi Goujon mostra come la critica letteraria ci fornisca alcuni elementi che ci autorizzano a trattare questa ipotesi come un avvenimento plausibile
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®