Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Ernst Bernhard, il taumaturgo degli artisti

21 Gennaio 2021
Ernst Bernhard, il taumaturgo degli artisti
Le ferite, l’angoscia, il rimorso, le nevrosi, il dolore riescono talvolta a diventare bellezza. di Chiara Mezzalama

«Si sente – non è vero – che ieri sono stata da B. Ho dovuto andarci per non perdere, ancora una volta, il controllo della situazione. C’era una bruma di un rosa-lilla sui 14 campanili che si vedono dalle sue finestre… B. mi ha ridato, come altre volte, un pezzetto di terreno su cui posare i piedi». Così scrive la poeta e saggista Cristina Campo. Come lei, molti scrittori e scrittrici romane frequentano lo studio di via Gregoriana dello psicoanalista junghiano Ernst Bernhard

Uomo coltissimo, nato a Berlino in una famiglia ebrea ortodossa, fugge la Germania nazista e arriva in Italia nel 1936, introducendo il pensiero di Carl Gustav Jung. Internato nel 1938 nel campo di Ferramonti di Tarsia a seguito della promulgazione delle leggi razziali, viene liberato grazie all’intervento dell’orientalista Giuseppe Tucci. Astrologo, legge la mano e l’I Ching, conosce le filosofie orientali e la spiritualità chassidica, interpreta i sogni dei suoi pazienti, disegna per loro mappe celesti. 

Lo immagino ricevere nel suo studio Bobi Bazlen, letterato che fugge ogni apparire, cofondatore della casa editrice Adelphi, Federico Fellini, con i suoi sogni smisurati, Natalia Ginzburg affranta dopo l’uccisione del marito Leone, e ancora Vittorio de Seta, Bertolucci, Adriano Olivetti, Giorgio Manganelli e tanti altri. 

Oh quanto avrei voluto essere una mosca e svolazzare nel suo studio arrampicato sui tetti di Roma, nell’ora dorata del tramonto e ascoltare i crucci e le fantasie che sono diventate lettere, memorie, poesie, film e romanzi. L’arte e la psicanalisi hanno una lunga storia di intrecci e reciproche influenze e Bernhard sapeva coglierle e trasformarle, quasi fosse un mago incantatore. 

Le ferite, l’angoscia, il rimorso, le nevrosi, il dolore riescono talvolta a diventare bellezza. 

A pochi metri dal suo studio, un luogo al quale è facile associarlo: la biblioteca Herztiana, nella storica sede di Palazzetto Zuccari, anche detta casa dei mostri per via della facciata ornata da un portone monumentale e due finestre decorate da teste di mostri con la bocca spalancata, ispirate al giardino di Bomarzo. È uno dei luoghi alchemici di Roma, così come la Porta Magica di piazza Vittorio che tanto attiravano i pazienti di Bernhard. 

Luoghi energetici e misteriosi come la sua pratica analitica, che definiva psicologia del processo di individuazione. Figura di riferimento della Società junghiana che andava formandosi in Italia, Bernhard ebbe moltissimi allievi, animò instancabilmente incontri e seminari. 

È morto a Roma, la sua città d’adozione, nel 1985.

Foto di Copertina di Carlotta Silvestrini

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari


Ernst Bernhard
Scopri il parco

Ernst Bernhard

Ferramonti di Tarsia (Cs)

Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Pinocchio di Madè. Un naso lungo … Centoquaranta anni!

Ci sono libri che hanno la capacità di superare il tempo e riproporsi, con contenuti sempre attuali, alla sensibilità di diverse generazioni di lettori: il Pinocchio di Collodi è sicuramente uno di questi.

L’anello del vescovo e la battaglia di Campaldino

“Il castello di Poppi gli apparve da lontano, alto sulla piana dell’Arno, sentinella sul fiume e sulla via di Bibbiena". L'11 giugno 1289 l’oste guelfa da Firenze e i ghibellini di Arezzo avrebbero impugnato le armi nella piana di Campaldino

Una vitale incertezza

Quest’anno al mare ho letto un libro diverso dalle letture che riservo per la settimana di vacanze. L’ho scelto non tanto per il titolo - L’esercizio della filosofia – quanto per il sottotitolo: Per una vitale incertezza. Attualissimo, dunque.

Il “Teatro del Corvo” e il libro di Erin Shields. Here We are (Eccoci – Siamo qui)

Here We Are, è un libro ambientato in un teatro, che si legge, legge sè stesso, mentre il lettore di oggi rivive e quello di domani rivivrà le esperienze che tutti noi abbiamo vissuto..nel “vostro angolo di questo mondo insano, impazzito, al momento"

Il Carnevale di Aliano (Matera)

Tra i misteri racchiusi all’interno del Parco Letterario Carlo Levi di Aliano emerge quello delle maschere cornute. Di Lodovico Alessandri

Ernst Bernhard: Einzelgänger poliedrico, 'influencer' ante litteram. Un'istantanea

Ernst Bernhard introdusse la psicologia junghiana in Italia dandole un'impronta profondamente personale e contribuì in modo determinante alla sprovincializzazione del Paese. Oggi un ricco archivio è a disposizione degli studiosi.
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®