Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Marcantonio Quirini/Querini: Mehmet agà Frenkbeyoglu ("Figlio del Signore Italiano")

26 Maggio 2021
Marcantonio Quirini/Querini: Mehmet agà Frenkbeyoglu (
I 1600 anni dalla fondazione di Venezia attraverso la stirpe dei Quirini/Querini. La storia di Marcantonio Quirini/Querini

Si tramanda, ma pochissimi ne sono al corrente, che, quando nel 1603 a Venezia arrivò la notizia che Marcantonio Quirini/Querini era stato ucciso dai suoi "Sipahi" (i soldati arruolati nella Cavalleria Pesante Ottomana) che egli comandava, la frase che più correva sulla bocca dei veneziani, dopo aver portato le opportune condoglianze alla Famiglia (già addolorata per il passato "infamante" del proprio congiunto) fosse proprio questa: "Ghe sta ben, a chel rinegà, traitòr de la so Patria e de la nostra vera Religion, che el fusse stà copà proprio dai turchi!"

 Cosa aveva fatto Marcantonio di così tremendo per meritarsi questo sdegno? Aveva fatto parte di un'altra "Congiura" contro il Dogado (forse, 'stavolta, insieme all'odiato nemico turco), come quella che nel 1310 il suo avo Marco Quirini/Querini aveva intentato, insieme a suo genero Bajamonte Tiepolo, contro il Doge Pierazzo Gradenigo? 

 Veniamo alla sua storia, di cui ne accenna sommariamente anche il professor Alessandro Barbero nel suo libro "Lepanto - La Battaglia dei Tre Imperi" (1). 

Figlio del Patrizio Veneto Francesco Quirini/Querini e di Paola Priuli, Marcantonio nacque, nel 1550 circa, nella villa paterna di Mira (Ve). Imbarcato, giovanissimo fanciullo, nella "Galea" di suo zio Vincenzo Priuli, diretta all'isola di Candia (oggi Creta) o all’isola di Stampalia (Astypalia) di proprietà dei Querini dal 1310 e poi conquistata dal kapudan Barbarossa nel 1569 , fu catturato dai corsari ottomani che assalirono la sua nave e fu portato schiavo a Costantinopoli alla corte del Sultano Mehmet III dove venne convertito all'Islam con il nome Mehmet agà Frenkbeyoglu (che significa "Figlio del Signore Italiano"), fece carriera nel corpo dei Giannizzeri (2), studiò la "Sharia, avviando una corrispondenza con la madre rimasta a Venezia cercando di convertirla alla sua nuova fede. 
 Trasformato in un fervente musulmano, accettò i 5 Pilastri dell'Islam, "Arkān al-Islam", cioè: 
1. la professione di Fede (shahāda); 
2. la preghiera (salāt); 
3. l'elemosina legale (zakāt); 
4. il digiuno (Sawm o Şiyam); 
5. il pellegrinaggio alla Mecca 

 Preso dall' impegno della fede, bevve l'acqua potabile della "Sacra Fonte di Zemzem"(  "inghiottire a piccoli sorsi".) nelle immediate adiacenze della Kaʿba di Mecca, salata ed amarognola, che i musulmani ritengono dotata di caratteristiche eccezionali e talvolta miracolose. 
Marcantonio, ormai Mehmet agà Frenkbeyoglu, - nonostante fosse stato Kâğıt emini (Sovrintendente ai rifornimenti di carta) e Katib, scrivano, del corpo dei Giannizzeri) fino al 1596 - non sfuggì alle manovre di palazzo, e quando tornò a Costantinopoli dal pellegrinaggio alla Mecca, effettuato nel 1597, trovò che gli erano stati confiscati tutti i suoi denari ed i suoi beni. 
Grazie, tuttavia, ai favori del Kapı ağası (il capo degli Eunuchi Bianchi del Palazzo del Topkapi, preposto al controllo delle attività che si svolgevano al di là del Cancello della Felicità) ottenne la carica di Cebeci başı, capo degli Armaioli. 
Nel 1599 fu lui che riuscì a sedare una prima ribellione dei Sipahi che protestavano per la mancata paga. 

Per merito delle sue capacità militari, raggiunse il grado di Mîr-i alay, Colonnello Comandante di Reggimento. Nel 1602 assunse il comando dei Sipahi, e nell'autunno di quell'anno, cercando di calmare i suoi soldati durante un tumulto, fu dagli stessi ucciso. 

1 Alessandro Barbero, Lepanto. La battaglia dei tre imperi, Laterza 2012. Pagg. 297-298 
2 La fanteria dell'esercito privato del sultano ottomano formato inizialmente con personale non musulmano, specialmente giovani cristiani e altri prigionieri di guerra (mamelucchi).


Foto a cura di Paolo Francis Quirini

Pietro Querini
Scopri il parco

Pietro Querini

Røst (Norvegia)

I 1600 anni dalla fondazione di Venezia attraverso la stirpe dei Quirini/Querini
Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Gerusalemme, tra mito e realtà

Ci sono luoghi e luoghi come ci sono città e città. Gerusalemme è stata e continua a essere un posto pieno di ardore e di fascino ed è una tappa obbligata per chiunque abbia interesse per la storia e la cultura e naturalmente per la religione.

Semi venuti da lontano

Oltre ad avventurieri, pirati, colonizzatori, ricercatori e scienziati, anche le piante viaggiano. Lo fanno grazie ai semi, straordinario strumento di diffusione, ed alla capacità di adattamento alle condizioni climatiche ed alle fasce altimetriche.

Viaggi Interstellari

Se il racconto del viaggio è l’essenza del viaggio stesso, quando scrutiamo il cielo, è come se viaggiassimo tramite l’ascolto di racconti cosmici da cui apprendiamo l’esistenza di mondi lontani e sconosciuti.

Riflessioni casuali alla vigilia della Giornata mondiale del libro

Strano stabilire un giorno, allo stesso modo di una festa nazionale o religiosa, per celebrare i libri. Oh mamma mia ho pensato, come se l'amore e il rispetto per i libri potessero essere esaltati solo durante un giorno solare!

I Parchi letterari nei multi-versi del linguaggio algoritmico

Entravamo e uscivamo dallo schermo. Ad un certo punto non abbiamo trovato più l’uscita, siamo rimasti imprigionati all’interno di un mondo–immagine, riflesso nelle mappe di Google Earth, dei servizi online di banche, sanità, e ora della scuola

L'altro cammino: donne in pellegrinaggio nel mondo e in se stesse

Pistoia riscopre l'anima e i tanti volti del viaggio in quest'anno santo jacobeo, dialoga con la sua più nota città gemella in terra galiziana, torna a proporre antiche vie di pellegrini che nel corso dei secoli hanno consentito di varcare frontiere.
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®