Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Carlo Levi, il “Cristo” e la Lucania

16 Dicembre 2020
Carlo Levi, il “Cristo” e la Lucania
Il mondo contadino lucano all'occhio curioso e penetrante di Carlo Levi possiede una intrigante complessità e una forte identità. Di Angelo Colangelo

Carlo Levi fu mandato al confino in Lucania 85 anni fa per la sua avversione al regime fascista. Dieci anni dopo ne raccontò l’esperienza in “Cristo si è fermato a Eboli”, un libro che scosse il mondo letterario nazionale e fece presto il giro del mondo.
Ma quali furono le ragioni di quel successo immediato e clamoroso, destinato a durare nel tempo e a diventare planetario?
Émile Poulat
(Lione, 1920 - Parigi, 2014) pensò di attribuirne la fortuna all’originalità del titolo e spiegò che "ce titre est une trouvaille. Il frappe l'immagination: impossible de l'oublier". Si può, certo, convenire con lo storico e sociologo francese che il titolo fu una trovata, capace di colpire l'immaginazione al punto che è impossibile dimenticarsene. Ma è evidente che le ragioni del successo del libro siano ben più consistenti e dipendano dal valore letterario, dalla forza poetica, dall'energia della denuncia politica di quello che Rocco Scotellaro definì “il più appassionato e crudele memoriale dei nostri paesi”.

Nell'originale opera di Carlo Levi felicemente convivono la narrazione degli eventi, l'analisi socio-antropologica, la rappresentazione estetica del paesaggio e, a tratti, una trepida evocazione lirica. Il libro così rivela le molte sfaccettature della realtà lucana, che in apparenza è segnata da una spoglia semplicità, ma in effetti possiede una intrigante complessità e una forte identità. Tale, almeno, si manifesta il mondo contadino lucano all'occhio curioso e penetrante dell'artista piemontese, che vi è stato improvvisamente catapultato dalla remota città industriale di Torino. Carlo Levi con rara sensibilità umana ed artistica coglie che nella vita dei contadini coesistono, e talora si fondono in un magma indistinto, storia e magia, scetticismo e superstizione, religione e incredulità, evidenza e mistero. È, quella contadina, un'esistenza tormentata dalla malaria perniciosa e dalla miseria secolare, accettate con la stessa pazienza e rassegnazione con cui sono tollerate le angherie della gretta borghesia locale e l'autorità dello Stato. Ma è anche animata da sentimenti e valori profondi ed autentici. Quel mondo, chiuso in un’eterna immobilità e in un immedicabile dolore, appare oscuro e sfuggente. Eppure Levi ne è attratto e da esso è indotto non solo a essergli solidale, ma anche a riflettere sull’eterna questione del Mezzogiorno, di cui si era occupato già alcuni anni prima, sollecitato da Piero Gobetti.

Non sorprende, perciò, che il “Cristo” sia stato accolto fin dal primo momento come un libro straordinario e che la sua fama abbia attirato sulla Lucania l'attenzione di studiosi, economisti, etnologi, antropologi italiani e stranieri. Si può dire che il capolavoro di Levi fece da apripista alle iniziative di Adriano Olivetti e alle indagini di vario genere condotte sul campo da Edward C. Banfield, George Terhune Peck, Ernesto de Martino, Tullio Tentori, Ludovico Quaroni, Henri Cartier-Bresson, Friedrich George Friedmann.

È doverosa, infine, un'ultima annotazione. Carlo Levi ebbe un ruolo importante nel promuovere una politica di risanamento e di recupero dei Sassi, della cui vita degradata aveva dato nel “Cristo” una cruda rappresentazione. Anzi, si deve riconoscere che, se i Sassi diventarono patrimonio dell'UNESCO nel 1993 e Matera capitale europea della Cultura nel 2019, merito grande va allo scrittore torinese, che fin dagli anni Cinquanta aveva calamitato l'attenzione del mondo sulla città da lui definita «capitale dei contadini».

 Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari 


Carlo Levi
Scopri il parco

Carlo Levi

Aliano (Mt)

Sono arrivato a Gagliano un pomeriggio di agosto, portato in una piccola automobile sgangherata. Avevo le mani impedite, ed ero accompagnato da due robusti rappresentanti dello Stato, dalle bande rosse ai pantoloni e dalle facce inespressive. ...

dal Cristo si è Fermato ad Eboli

Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Ernst Bernhard: Einzelgänger poliedrico, 'influencer' ante litteram. Un'istantanea

Ernst Bernhard introdusse la psicologia junghiana in Italia dandole un'impronta profondamente personale e contribuì in modo determinante alla sprovincializzazione del Paese. Oggi un ricco archivio è a disposizione degli studiosi.

Parco Letterario - Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia (Cs) per l'European Heritage Label

Ferramonti e Ventotene, un campo di concentramento e una località di confino, candidate al Marchio del Patrimonio Europeo. Di Stanislao de Marsanich

Alla scoperta del concetto filosofico di ‘luogo’ nel Parco Letterario Marguerite Chapin

Ciò che rende veramente unico il Giardino di Ninfa e il Parco Letterario è il far sentire la magia di una relazione tra i visitatori,le cose e le creature che vi abitano. Come diceva Giorgio Bassani, i Caetani hanno creato un mondo. Di Alessandra Fenizi

La letteratura è donna

Abbiamo chiesto alle protagoniste del panorama editoriale una loro opinione che vada al di là delle celebrazioni dell’8 marzo. Di Paquito Catanzaro

Il Carnevale di Aliano (Matera)

Tra i misteri racchiusi all’interno del Parco Letterario Carlo Levi di Aliano emerge quello delle maschere cornute. Di Lodovico Alessandri

Ernst Bernhard. Conversazioni sull'ebraismo. Biografia*

La seconda parte delle "Conversazioni sull'ebraismo" con Ernst Bernhard, a cura di Luciana Marinangeli. Le ultime parole del grande psicoanalista che aprì alla cultura italiana degli anni '40-'60 gli orizzonti della cultura europea
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®