Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

"Animula vagula, blandula" in memoria di Adriano

30 Dicembre 2020

So che non vedrò mai più Roma così. Che quest’anno terribile mi ha regalato emozioni estetiche inaudite. di Chiara Mezzalama

Mi sto abituando al silenzio che regna nella città eterna in questi ultimi giorni dell’anno. Le uniche voci sono quelle dei pappagalli e degli storni che a causa di un autunno mite sono ancora qui. Si radunano la sera sui pini di via dei Fori Imperiali, svolazzando rumorosi intorno alla Colonna Traiana. In queste lunghe giornate a festività ridotte, metto ordine nei libri, un’ossessione che ha un effetto calmante, quasi che tutte le ore trascorse a leggere costituissero una barriera di protezione tra me e il disordine del mondo (così come quello che mi porto dentro), e i volumi sugli scaffali ne fossero i testimoni.

Non credo sia un caso il ritrovamento di una vecchia edizione di Le memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar; le librerie, oltre alla polvere, hanno cabale e segreti. «Animula vagula, blandula…» tre parole magiche che aprono le porte di questo viaggio incredibile nella Storia. La voce lucida e poetica che l’ossessione di Yourcenar ha dato all’imperatore Adriano, risuona in me in questi giorni di vuoto e solitudine. Ritrovo la solitudine dell’imperatore, potente come un dio, nelle pietre disertate dai turisti. Sono praticamente sola davanti al Pantheon, il mio monumento romano preferito che fu per Adriano un’ossessione. La più grande cupola mai costruita fino all’invenzione del cemento armato, simbolo del genio architettonico dei romani, con quel buco in mezzo, l’oculus, da cui guardare il cielo.

Mi sposto verso il foro di Traiano, padre adottivo e predecessore di Adriano: nessun finto gladiatore, nessun gruppo con la bandierina, soltanto le amate rovine e le frasi memorabili del romanzo di Yourcenar. Torno sui miei passi e attraverso il Ponte degli Angeli fino al Mausoleo di Adriano, tomba dell’imperatore, diventato in seguito Castel Sant’Angelo. Nessuno che vende gli ombrelli malgrado la minaccia di pioggia, nessuna paccottiglia, né selfie davanti al castello.

So che non vedrò mai più Roma così. Che quest’anno terribile, scandito dalla morte, mi ha regalato emozioni estetiche inaudite. Che le rovine e i monumenti che attraversano il passato sono lo specchio del futuro, ed è per questo che è così importante custodirli. E il nuovo che verrà dovrà prendersi cura di ciò che è stato.

Foto di copertina di Chiara Mezzalama

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari


Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Pinocchio di Madè. Un naso lungo … Centoquaranta anni!

Ci sono libri che hanno la capacità di superare il tempo e riproporsi, con contenuti sempre attuali, alla sensibilità di diverse generazioni di lettori: il Pinocchio di Collodi è sicuramente uno di questi.

L’anello del vescovo e la battaglia di Campaldino

“Il castello di Poppi gli apparve da lontano, alto sulla piana dell’Arno, sentinella sul fiume e sulla via di Bibbiena". L'11 giugno 1289 l’oste guelfa da Firenze e i ghibellini di Arezzo avrebbero impugnato le armi nella piana di Campaldino

Una vitale incertezza

Quest’anno al mare ho letto un libro diverso dalle letture che riservo per la settimana di vacanze. L’ho scelto non tanto per il titolo - L’esercizio della filosofia – quanto per il sottotitolo: Per una vitale incertezza. Attualissimo, dunque.

Il “Teatro del Corvo” e il libro di Erin Shields. Here We are (Eccoci – Siamo qui)

Here We Are, è un libro ambientato in un teatro, che si legge, legge sè stesso, mentre il lettore di oggi rivive e quello di domani rivivrà le esperienze che tutti noi abbiamo vissuto..nel “vostro angolo di questo mondo insano, impazzito, al momento"

Ernst Bernhard: Einzelgänger poliedrico, 'influencer' ante litteram. Un'istantanea

Ernst Bernhard introdusse la psicologia junghiana in Italia dandole un'impronta profondamente personale e contribuì in modo determinante alla sprovincializzazione del Paese. Oggi un ricco archivio è a disposizione degli studiosi.

Parco Letterario - Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia (Cs) per l'European Heritage Label

Ferramonti e Ventotene, un campo di concentramento e una località di confino, candidate al Marchio del Patrimonio Europeo. Di Stanislao de Marsanich
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®